instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Berlino scioglie gli indugi e fornirà all'Ucraina i Leopard 2. Da Washington arriveranno gli AbramsRuolo e funzioni della rete Europe Direct. Conversazione con Dario NoscheseMarc Angel eletto nuovo vicepresidente del Parlamento europeoTimmermans in Ucraina: Ue garantirà ingenti aiuti per la ricostruzioneBreton: preserveremo l'industria dell'Ue e il mercato unicoL'unanime condanna europea dell'assalto in BrasileCovid, Ue: obbligo di tampone negativo prima della partenza dalla CinaEuropa e crisi del pensiero nella lezione di Edgar MorinBuone feste !Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di MontrealGas: accordo sul price-cap al Consiglio affari energiaL'ultimo Consiglio europeo del 2022Il Qatargate scuote il Parlamento europeo. Agli arresti la vicepresidente KailiGas: sul price cap l'Ue cerca ancora un accordoAll'Ecofin l'Ungheria pone il veto sui fondi a KievL'Eurogruppo valuta i bilanci degli Stati membriGaetano Sateriale si unisce al Board di EuropoliticheLa visita del Presidente Macron alla Casa BiancaVon der Leyen: nuovi quadri normativi Ue sugli aiuti di StatoVon der Leyen: il Green Deal Ue e il monopolio cinese delle materie prime criticheSanchèz nuova guida dell’Internazionale SocialistaPNNR: parla l'esperto di fondi europei Vito VaccaCommissione Ue: congelati 7,5 miliardi all’Ungheria. Servono 17 misure per ripristinare lo stato di dirittoLagarde: non siamo ancora al picco dell'inflazione nella Zona EuroTimori nell'UE per il neoprotezionismo industriale e tecnologico UsaIl 70' anniversario del Parlamento europeo. Nel 1952 la prima seduta della CecaParlamento UE approva risoluzione su "Russia sponsor del terrorismo".La fiducia nella scienza nell'Europa di ieri e di oggi. Intervista al professor Alessandro De AngelisCOP27: l'UE chiede misure concrete e il rispetto degli Accordi di ParigiLa Bce procede con l'aumento dei tassiRishi Sunak è il nuovo Primo Ministro della Gran BretagnaConsiglio europeo : raggiunto l'accordo sul dossier GasRegno Unito : Liz Truss si dimette da Primo MinistroL'ex premier svedese Loefven eletto Presidente dei socialisti europeiGas : la Commissione propone un price cap dinamico e temporaneo
europolitiche

Draghi e Macron chiedono sul FT la riforma del Patto di Stabilità

25-12-2021 16:46

Europolitiche

Europolitiche, europolitica, Macron, Draghi, europolitiche , patto di stabilità, financial times, 23 dicembre 2021,

Draghi e Macron chiedono sul FT la riforma del Patto di Stabilità

I due leader reclamano “più spazio di manovra” per fare investimenti e sostenere il sistema di welfare, ammonendo  che il Patto di stabilità va riformato.

Mario Draghi ed Emmanuel Macron hanno pubblicato il 23 dicembre un articolo a doppia firma sul sito del Financial Times titolato ‘Le regole di bilancio dell’Ue devono essere riformate se vogliamo garantire la ripresa’.

Il messaggio, chiaro, è:  serve “più spazio di manovra” per fare investimenti e sostenere il sistema di welfare, ammonendo  che il Patto di stabilità “non deve impedirci di farlo”. Ninete tagli alla spesa, nè inasprimenti fiscali nell'Unione prossima ventura dunque.

L’articolo è una dichiarazione congiunta contro un ritorno all’austerity nel post-pandemia. Si legge nello scritto: “Abbiamo bisogno” di un quadro normativo “credibile, trasparente e capace di contribuire all’ambizione di costruire un’Europa più forte, sostenibile ed giusta”. “Non c’è dubbio sulla necessità di ridurre il livello del nostro indebitamento, ma non possiamo pensare farlo attraverso maggiori tasse o tagli insostenibili alla spesa sociale”.

Draghi e Macron anticipano nello scritto le priorità del semestre di presidenza francese. “Il programma Next Generation EU è stato un successo – scrivono – nella sua valutazione della qualità della spesa pubblica e nella sua modalità di finanziamento. In quanto tale, offre un utile modello per il futuro. Nuove proposte meriteranno una discussione approfondita, non offuscata dall’ideologia, con l’obiettivo di servire al meglio gli interessi dell’Ue nel suo insieme. La prossima presidenza francese del Consiglio Ue avrà l’obiettivo di sviluppare una strategia globale condivisa per il futuro dell’Unione”. 

Macron e Draghi condividono da diverso tempo preoccupazioni sull'evolversi delle minacce alla ricrescita delle economie dei rispettivi paesi, in un comune scenario di stimoli fiscali e inflazione, evidentemente allarmati dalle idee del neoministro delle Finanze tedesco Lindner descritto dai media come poco entusista di un eventuale mancato rientro dalle “deroghe” del Patto di Stabilità nel 2023. La difesa nell'articolo di un policy mix fiscale-monetario accomodante fa del contributo di Draghi e Mcron una traccia d'impatto nel percorso di riforma del PSC.

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder