instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Lagarde: non siamo ancora al picco dell'inflazione nella Zona EuroTimori nell'UE per il neoprotezionismo industriale e tecnologico UsaIl 70' anniversario del Parlamento europeo. Nel 1952 la prima seduta della CecaParlamento UE approva risoluzione su "Russia sponsor del terrorismo".La fiducia nella scienza nell'Europa di ieri e di oggi. Intervista al professor Alessandro De AngelisCOP27: l'UE chiede misure concrete e il rispetto degli Accordi di ParigiLa Bce procede con l'aumento dei tassiRishi Sunak è il nuovo Primo Ministro della Gran BretagnaConsiglio europeo : raggiunto l'accordo sul dossier GasRegno Unito : Liz Truss si dimette da Primo MinistroL'ex premier svedese Loefven eletto Presidente dei socialisti europeiGas : la Commissione propone un price cap dinamico e temporaneoRegno Unito: Liz Truss al minimo dei sondaggi nonostante la manovra corretta da HuntProteste contro il caro-vita a ParigiVerso il Consiglio europeo del 20 e 21 ottobreGas: la Commissione vuole negoziare il prezzo con i fornitori non fissarlo a prioriA Bruxelles la settimana europea delle Regioni e delle CittàUna prima intesa all'Ecofin sulla strategia energetica UEGentiloni e Breton: nuovo debito comune contro effetti della crisi energeticaGran Bretagna: Truss cancella il taglio delle tasse ai redditi altiI prezzi del gas : trattative per un compromesso tra gli Stati UeQuindici Stati UE chiedono alla Commissione l'adozione del Price Cap sul gasI risultati del voto alle elezioni politiche in ItaliaEuropa, partecipazione politica ed inclusione. Dialogo con Andrea CatarciRipartire dalle città. Pnrr e risorse europee per costruire nuove infrastrutture sociali e di mobilitàTransizione ecologica ed Europa dei territori. Dialogo con Rossella MuroniAccordo tra Macron e Scholz sulla "solidarietà energetica" franco-tedescaGran Bretagna: Liz Truss è la nuova premierIl Manifesto di Ventotene raccontato ai bambiniDecisioni in vista con il Consiglio straordinario sull'energiaLa missione diplomatica a Kiev guidata dal Presidente del network Eurocities NardellaGentiloni: "Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità"Germania : il governo Scholz al lavoro per evitare una spirale recessiva nel secondo semestre 2022Convergenze nell'incontro tra Borrell e Blinken al vertice AseanStima flash Eurostat. Gentiloni: non siamo in recessione, ma resta l'incertezza per i prossimi mesi
europolitiche

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

05-03-2022 10:04

Europolitiche

Europolitiche, europolitica, unione europea, europolitiche, germania, scholz, Ucraina, Commissione europea, Von der Leyen, Difesa europea, governo tedesco, sostegni all'Ucraina , Berlino,

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

I processi decisionali dell'Unione Europea e dei singoli Paesi membri sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione dell'Ucraina

I processi decisionali dell'Unione Europea sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione russa dell'Ucraina e stanno stimolando  un nuovo attivismo anche dei singoli governi nazionali e dei ministeri di riferimento.

La difesa comune resta un’idea alla base dell’integrazione europea. In questo quadro, l’acquisto di armi e rifornimenti bellici per l’Ucraina sotto assedio russo è la strategia adottata con fondi europei dalla Commissione Ue, così come si è evinto dall'annuncio del 27 febbraio della presidente Von der Leyen, dell'adozione dello strumento European Peace Facility con cui l'Unione finanzierà l'acquisto di materiale bellico.

Il governo Scholz in Germania ha deciso anch’esso di inviare armi e rifornimenti ed ha annunciato l'impegno a investire 100 miliardi di euro nelle sue forze armate, e spenderà ogni anno più del 2% del suo prodotto interno lordo per la difesa (nella foto: il ministero della difesa tedesco). Non accadeva dai tempi della Guerra Fredda. Sembra trascorsa un’era, a riascoltare il discorso al Bundestag del cancelliere Olaf Scholz di domenica scorsa, quando il successore di Angela Merkel ha annunciato l’impegno a superare il tetto del 2% richiesto dalla Nato. Un monito riecheggiato in Italia pochi giorni dopo, con la promessa a Montecitorio di Draghi di “investire nella difesa più di quanto abbiamo mai fatto finora”.

Si è aperto un ampio dibattito su queste strategie e questi investimenti e se siano una complicazione o un’opportunità per l’Unione.

Lo scenario di guerra sui confini orientali potrebbe offrire un nuovo quadro decisionale che accelleri i progressi verso una difesa comune in cui far confluire i contributi delle forze armate dei 27 paesi membri.

 

redazione @europolitiche 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder