instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politicaEurope profoundly shocked by shooting of Robert FicoSpring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion amid high geopolitical risksVentotene: l'isola che diventò continente. Chiara Bini dialoga con Francesca MercantiHappy Europe Day 2024A May of meetings and book presentations in Florence with EuropoliticheUn maggio di incontri a Firenze con EuropoliticheChinese President Xi Jimping completed a two-day state visit to ParisThousands of Georgians have taken to the streets of Tibilisi and are waving EU flags against the governmentSpain, Sanchez : “I have decided to go on, if possible even stronger as prime minister"French President Macron's speech on the EUNew EU fiscal rules approved by MEPsLetta presents the report on the future of the Single Market. The EU awaits Draghi's report in JuneParliament adopts reform of the EU electricity marketMEPs approve reforms for a more sustainable and resilient EU gas marketEcofin : Gentiloni, public investments must not be reducedEuropean reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaThe tenth meeting of the European Committee of the RegionsVoices: the European festival of journalism and media literacyEuropean Parliament: yes to the Media Freedom Act, the law that protects the media from political interferenceEurope and its political families. Conversation with Benedetto LigorioEurogroup: Gentiloni, a challenge to be overcome within the timeframe set by the new Stability Pact
europolitiche

Solidarietà nell'Unione europea ad Israele a seguito degli attacchi di Hamas

13-10-2023 21:25

Europolitiche

Europolitiche, Gaza, israel, striscia di gaza, Hamas,

Solidarietà nell'Unione europea ad Israele a seguito degli attacchi di Hamas

Dal sette ottobre duro scontro tra palestinesi e israeliani.

Un massiccio attacco missilistico ai danni di Israele è stato lanciato dalla mattinata di sabato 7 ottobre, a partire dalla Striscia di Gaza, dalle milizie estremiste palestinesi di Hamas. Oltre ai razzi, le milizie hanno agito usando una strategia di attacco fondata su blitz via terra in territorio israeliano ai danni della popolazione civile, inclusa la cattura di ostaggi.

Il governo di Tel Aviv, colto di sorpresa, ha ammesso le falle nell'azione di prevenzione, informazione e contrasto dei servizi segreti israeliani, notoriamente molto efficienti. Considerando la gravità della situazione, si è costituito un governo di unità nazionale con la conferma del primo ministro Netanyahu. 

Il bilancio delle vittime è stato davvero pesante, con migliaia di morti ed esecuzioni di particolare efferatezza, ragion per cui anche l'impatto nella comunità internazionale è stato deflagrante. Dagli Stati Uniti all'Unione europea è stato tutto un susseguirsi di dichiarazioni di solidarietà ad Israele. Gli eccessi di Hamas sono simmetricamente attribuiti all'influenza di Iran e Qatar, direttamente alleati e finanziatori del gruppo estremistico palestinese.

Non è di secondaria importanza considerare che Hamas ha inteso colpire il governo Netanyahu, espressione delle destre israeliane che rivendicano la loro indisponibilità a concedere dignità statuali ai rivali arabi di Palestina. 

Il sostegno a Israele è come sempre venuto in prima linea dagli Stati Uniti, la cui marina militare  ha significativamente posizionato la portaerei nucleare Ford nel Mediterraneo orientale. Cauta è apparsa la Russia mentre le diplomazie di Turchia ed Egitto si sono candidate da subito  a provare l'avvio di una mediazione. 

Nei giorni dopo l'attacco nemico, Israele ha sganciato circa seimila bombe su Gaza, minacciando di interrompere su larga scala le forniture di acqua, luce e gas alla Striscia abitata da due milioni  e mezzo di palestinesi. I vertici dell'esercito israeliano hanno atteso alcuni giorni prima di organizzare una vera e propria operazione militare. Giovedi 11 l'esercito ha ordinato a 1,1 milioni di abitanti di Gaza di spostarsi in 24 ore a Sud. Un piano di evacuazione considerato concretamente impossibile da molte voci della comunità internazionale. Secondo l'Onu, a Gaza 423 mila palestinesi hanno lasciato le loro case. 

 

desk @europolitiche

 

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it