instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

La Conferenza sull'Ucraina a Parigi

27-02-2024 18:32

Europolitiche

Europolitiche, Macro/Scenari, emmanuel macron, guerra russo-ucraina, sostegno europeo a Kiev, conferenza di parigi,

La Conferenza sull'Ucraina a Parigi

Ferma opposizione di Paesi come Stati Uniti, Germania e anche Italia, oltre a quella del segretario generale della Nato Stoltenberg.

A due anni dall'invasione russa in Ucraina, il presidente francese Macron ha riunito lunedi 27 febbraio all'Eliseo in una conferenza dei Paesi alleati per il sostegno all'Ucraina con oltre venti leader occidentali.

Tra i partecipanti alla conferenza a Parigi il cancelliere tedesco Scholz, il premier spagnolo Sanchez, il ministro degli esteri britannico Cameron, i rappresentanti di Canada, Polonia e Stati Uniti e, per l'Italia, il viceministro degli esteri.

Davanti a più di venti capi di stato e di governo, il presidente della Repubblica francese ha sottolineato che "oggi è in gioco la sicurezza di noi tutti. Abbiamo visto, soprattutto negli ultimi mesi, un inasprimento della Russia", manifestatosi anche con la morte dell'oppositore del Cremlino Alexei Navalny. 

"Siamo senza dubbio in un momento nel quale è necessario un rilancio da parte di tutti", ha affermato Macron, aggiungendo che ciò implica decisioni forti per fare di più a sostegno di Kiev contro la Russia

Da Kiev ha partecipato al collegamento video della conferenza, il presidente ucraino Zelensky che ha espresso gratitudine per l'Unione europea ma  ha voluto rimarcare con gli stessi alleati riuniti a Parigi che "dei milioni di proiettili che l'Unione europea ci ha promesso, purtroppo non è arrivato il 50 per cento, ma il 30". Zelensky ha ricordato la vittoria contro la Russia dipende dall'Occidente. 

 

Macron: non escludo l'ipotesi di un invio di truppe occidentali a sostegno di Kiev

Nel riaffermare l'impegno della Francia nei confronti di Kiev, al termine della conferenza a Parigi, Macron in conferenza stampa si è spinto a dichiarare: “Oggi non c'è consenso sull'invio di truppe di terra in modo ufficiale, scontato e approvato. Ma nella dinamica non è da escludere nulla. Faremo tutto il necessario affinché la Russia non possa vincere questa guerra”

L'invio di truppe occidentali sul terreno in Ucraina non dovrebbe "essere escluso" nonostante in questa fase non ci sia consenso riguardo all'ipotesi:

 

Le reazioni all'ipotesi di invio di truppe occidentali

L'ipotesi di nvio di truppe trova la ferma opposizione di Paesi come Stati UnitiGermania e anche Italia, oltre a quella del segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Con la Russia che ha avvertito: “Se così fosse, la guerra sarebbe inevitabile.

Olaf Scholz, pur presente a Parigi, ha sposato la linea americana, garantendo che “nessun soldato” sarà inviato in Ucraina da Paesi europei o della Nato: “Ciò che è stato deciso tra noi fin dall’inizio continua ad essere valido per il futuro, non ci saranno truppe sul terreno, né soldati inviati dagli Stati europei o dagli Stati della Nato sul suolo ucraino”

L’Unione europea, dal canto suo, tiene a precisare che se un invio di truppe dovesse concretizzarsi, questo non è stato deciso a Bruxelles: “Siamo a conoscenza delle dichiarazioni pubbliche di alcuni Stati membri secondo cui si potrebbe considerare l’invio di truppe di terra in Ucraina – ha detto il portavoce Ue per la politica estera Peter Stano – Questo non è stato discusso a livello Ue. Le politiche Ue nelle conclusioni del Consiglio europeo parlano molto chiaramente. L’Ue è impegnata a sostenere l’Ucraina e farà tutto il possibile. Quanto alla forma e al modo dei contributi nazionali sono una prerogativa della sovranità e della competenza di ciascuno Stato membro”.


 staff @europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it