instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Berlino scioglie gli indugi e fornirà all'Ucraina i Leopard 2. Da Washington arriveranno gli AbramsRuolo e funzioni della rete Europe Direct. Conversazione con Dario NoscheseMarc Angel eletto nuovo vicepresidente del Parlamento europeoTimmermans in Ucraina: Ue garantirà ingenti aiuti per la ricostruzioneBreton: preserveremo l'industria dell'Ue e il mercato unicoL'unanime condanna europea dell'assalto in BrasileCovid, Ue: obbligo di tampone negativo prima della partenza dalla CinaEuropa e crisi del pensiero nella lezione di Edgar MorinBuone feste !Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di MontrealGas: accordo sul price-cap al Consiglio affari energiaL'ultimo Consiglio europeo del 2022Il Qatargate scuote il Parlamento europeo. Agli arresti la vicepresidente KailiGas: sul price cap l'Ue cerca ancora un accordoAll'Ecofin l'Ungheria pone il veto sui fondi a KievL'Eurogruppo valuta i bilanci degli Stati membriGaetano Sateriale si unisce al Board di EuropoliticheLa visita del Presidente Macron alla Casa BiancaVon der Leyen: nuovi quadri normativi Ue sugli aiuti di StatoVon der Leyen: il Green Deal Ue e il monopolio cinese delle materie prime criticheSanchèz nuova guida dell’Internazionale SocialistaPNNR: parla l'esperto di fondi europei Vito VaccaCommissione Ue: congelati 7,5 miliardi all’Ungheria. Servono 17 misure per ripristinare lo stato di dirittoLagarde: non siamo ancora al picco dell'inflazione nella Zona EuroTimori nell'UE per il neoprotezionismo industriale e tecnologico UsaIl 70' anniversario del Parlamento europeo. Nel 1952 la prima seduta della CecaParlamento UE approva risoluzione su "Russia sponsor del terrorismo".La fiducia nella scienza nell'Europa di ieri e di oggi. Intervista al professor Alessandro De AngelisCOP27: l'UE chiede misure concrete e il rispetto degli Accordi di ParigiLa Bce procede con l'aumento dei tassiRishi Sunak è il nuovo Primo Ministro della Gran BretagnaConsiglio europeo : raggiunto l'accordo sul dossier GasRegno Unito : Liz Truss si dimette da Primo MinistroL'ex premier svedese Loefven eletto Presidente dei socialisti europeiGas : la Commissione propone un price cap dinamico e temporaneo
europolitiche

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

05-03-2022 10:04

Europolitiche

Europolitiche, europolitica, unione europea, europolitiche, germania, scholz, Ucraina, Commissione europea, Von der Leyen, Difesa europea, governo tedesco, sostegni all'Ucraina , Berlino,

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

I processi decisionali dell'Unione Europea e dei singoli Paesi membri sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione dell'Ucraina

I processi decisionali dell'Unione Europea sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione russa dell'Ucraina e stanno stimolando  un nuovo attivismo anche dei singoli governi nazionali e dei ministeri di riferimento.

La difesa comune resta un’idea alla base dell’integrazione europea. In questo quadro, l’acquisto di armi e rifornimenti bellici per l’Ucraina sotto assedio russo è la strategia adottata con fondi europei dalla Commissione Ue, così come si è evinto dall'annuncio del 27 febbraio della presidente Von der Leyen, dell'adozione dello strumento European Peace Facility con cui l'Unione finanzierà l'acquisto di materiale bellico.

Il governo Scholz in Germania ha deciso anch’esso di inviare armi e rifornimenti ed ha annunciato l'impegno a investire 100 miliardi di euro nelle sue forze armate, e spenderà ogni anno più del 2% del suo prodotto interno lordo per la difesa (nella foto: il ministero della difesa tedesco). Non accadeva dai tempi della Guerra Fredda. Sembra trascorsa un’era, a riascoltare il discorso al Bundestag del cancelliere Olaf Scholz di domenica scorsa, quando il successore di Angela Merkel ha annunciato l’impegno a superare il tetto del 2% richiesto dalla Nato. Un monito riecheggiato in Italia pochi giorni dopo, con la promessa a Montecitorio di Draghi di “investire nella difesa più di quanto abbiamo mai fatto finora”.

Si è aperto un ampio dibattito su queste strategie e questi investimenti e se siano una complicazione o un’opportunità per l’Unione.

Lo scenario di guerra sui confini orientali potrebbe offrire un nuovo quadro decisionale che accelleri i progressi verso una difesa comune in cui far confluire i contributi delle forze armate dei 27 paesi membri.

 

redazione @europolitiche 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder