instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Ripartire dalle città. Pnrr e risorse europee per costruire nuove infrastrutture sociali e di mobilitàTransizione ecologica ed Europa dei territori. Dialogo con Rossella MuroniAccordo tra Macron e Scholz sulla "solidarietà energetica" franco-tedescaGran Bretagna: Liz Truss è la nuova premierIl Manifesto di Ventotene raccontato ai bambiniDecisioni in vista con il Consiglio straordinario sull'energiaLa missione diplomatica a Kiev guidata dal Presidente del network Eurocities NardellaGentiloni: "Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità"Germania : il governo Scholz al lavoro per evitare una spirale recessiva nel secondo semestre 2022Convergenze nell'incontro tra Borrell e Blinken al vertice AseanStima flash Eurostat. Gentiloni: non siamo in recessione, ma resta l'incertezza per i prossimi mesiItalia: Draghi non ha più la maggioranzaCroazia, Gentiloni: "Vostro viaggio verso l'euro e' stato straordinario"L'Europa si può rigenerare. Intervista a Gaetano SaterialeIl G7 in Germania. Energia e Ucraina al centro dei lavori.Il Consiglio europeo di giugno. Concesso status a Ucraina e Moldavia di Paesi candidatiLe Resultat des Legislatives en FranceScholz, Macron e Draghi a KievLe elezioni legislative in FranciaAccordo Ue sulla ridistribuzione dei migrantiVisita lampo della presidente Von der Leyen a KievGli scenari associati alle migrazioni globali e alle rotte verso l'Unione europeaAll'orizzonte una nuova Europa sociale con la bozza di direttiva sui salari minimi adeguatiAdottato dal Consiglio UE il sesto pacchetto di sanzioni alla RussiaIl Programma UE Med Dialogue promuove il Festival dei Cittadini del MediterraneoCon il Consiglio straordinario di fine maggio, l'UE accresce la sua sicurezza energetica ed alimentareMichel ai 27: urgente autonomia energetica ed alimentare dell'UELa strategia REPowerEU della Commissione europeaNell'UE servono ancora politiche espansive di bilancioMacron auspica la creazione di una Comunità politica europeaConsiglio Ue: intesa per stock comuni del gas prima dell'invernoL'Unione Europea con una serie di iniziative istituzionali ha celebrato il 9 maggio la giornata dell'EuropaPrimo Maggio: la festa degli europei che chedono lavoro e dignitàLa France après les élections présidentiellesGli europei tra i 40 paesi convocati dagli Stati Uniti a Ramstein. Deciso l'invio di armi pesanti all'Ucraina.
europolitiche

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

05-03-2022 09:04

Europolitiche

Europolitiche, europolitica, unione europea, europolitiche, germania, scholz, Ucraina, Commissione europea, Von der Leyen, Difesa europea, governo tedesco, sostegni all'Ucraina , Berlino,

Più fondi per la difesa europea. La Germania modernizzerà l'esercito

I processi decisionali dell'Unione Europea e dei singoli Paesi membri sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione dell'Ucraina

I processi decisionali dell'Unione Europea sul fronte della difesa sono accelerati dall'invasione russa dell'Ucraina e stanno stimolando  un nuovo attivismo anche dei singoli governi nazionali e dei ministeri di riferimento.

La difesa comune resta un’idea alla base dell’integrazione europea. In questo quadro, l’acquisto di armi e rifornimenti bellici per l’Ucraina sotto assedio russo è la strategia adottata con fondi europei dalla Commissione Ue, così come si è evinto dall'annuncio del 27 febbraio della presidente Von der Leyen, dell'adozione dello strumento European Peace Facility con cui l'Unione finanzierà l'acquisto di materiale bellico.

Il governo Scholz in Germania ha deciso anch’esso di inviare armi e rifornimenti ed ha annunciato l'impegno a investire 100 miliardi di euro nelle sue forze armate, e spenderà ogni anno più del 2% del suo prodotto interno lordo per la difesa (nella foto: il ministero della difesa tedesco). Non accadeva dai tempi della Guerra Fredda. Sembra trascorsa un’era, a riascoltare il discorso al Bundestag del cancelliere Olaf Scholz di domenica scorsa, quando il successore di Angela Merkel ha annunciato l’impegno a superare il tetto del 2% richiesto dalla Nato. Un monito riecheggiato in Italia pochi giorni dopo, con la promessa a Montecitorio di Draghi di “investire nella difesa più di quanto abbiamo mai fatto finora”.

Si è aperto un ampio dibattito su queste strategie e questi investimenti e se siano una complicazione o un’opportunità per l’Unione.

Lo scenario di guerra sui confini orientali potrebbe offrire un nuovo quadro decisionale che accelleri i progressi verso una difesa comune in cui far confluire i contributi delle forze armate dei 27 paesi membri.

 

redazione @europolitiche 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder