instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politicaEurope profoundly shocked by shooting of Robert FicoSpring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion amid high geopolitical risksVentotene: l'isola che diventò continente. Chiara Bini dialoga con Francesca MercantiHappy Europe Day 2024A May of meetings and book presentations in Florence with EuropoliticheUn maggio di incontri a Firenze con EuropoliticheChinese President Xi Jimping completed a two-day state visit to ParisThousands of Georgians have taken to the streets of Tibilisi and are waving EU flags against the governmentSpain, Sanchez : “I have decided to go on, if possible even stronger as prime minister"French President Macron's speech on the EUNew EU fiscal rules approved by MEPsLetta presents the report on the future of the Single Market. The EU awaits Draghi's report in JuneParliament adopts reform of the EU electricity marketMEPs approve reforms for a more sustainable and resilient EU gas marketEcofin : Gentiloni, public investments must not be reducedEuropean reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaIl decimo vertice del Comitato europeo delle regioniVoices: il festival europeo del giornalismo e della media literacyEuroparlamento: si al Media Freedom Act, la legge che protegge i media da ingerenze politicheL'Europa e le sue famiglie politiche. Conversazione con Benedetto LigorioEurogruppo: Gentiloni, una sfida da vincere i tempi previsti dal nuovo Patto di Stabilità
europolitiche

Con il Consiglio straordinario di fine maggio, l'UE accresce la sua sicurezza energetica ed alimentare

02-06-2022 08:26

Europolitiche

Europolitiche, unione europea, europolitiche, Putin, Von der Leyen, consiglio europeo, Difesa europea, Macron , Antonio De Chiara, Michel, gas russo, sicurezza europea, embargo petrolio russo, enegia, 30maggio 022, 31 maggio 2022, europoitica,

Con il Consiglio straordinario di fine maggio, l'UE accresce la sua sicurezza energetica ed alimentare

di Antonio De Chiara

Il Consiglio europeo del 30 e 31 maggio si è occupato di petrolio, energia, difesa, sicurezza alimentare. Convocato in sessione straordinaria, ha dato vita ad un confonto serrato tra i Paesi membri, assicurando alla fine un pacchetto organico di provvedimenti che delineneano la piattaforma decisionale concreta del semestre di presidenza francese dell'Unione europea.

 

L'embargo al petrolio russo via mare

A Bruxelles, pur tra difficoltà e distinguo, è stata raggiunta tra i leader dei 27 Paesi membri una intesa sull’embargo al petrolio di Mosca riuscendo a salvare l'unità dell'Unione di fronte allla Russia con un escamotage che accontenta il premier ungherese Orban, fornendo garanzie ai Paesi senza sbocco sul mare. E' previsto un embargo immediato al petrolio che arriva dalla Russia all'Ue via mare. Rinviato invece lo stop al greggio trasportato attraverso l'oleodotto Druzhba. Toccherà ai negoziatori sviluppare intese ulterori "il prima possibile", come recita il testo delle conclusioni, su questo snodo cruciale.

Bruxelles si è impegnata a introdurre "misure di emergenza" in caso di interruzione della fornitura di energia da parte di Mosca. Di fatto, Budapest ma anche Praga e Bratislava hanno ottenuto per iscritto che in caso di misure ritorsive del Cremlino saranno aiutate dagli altri Paesi membri. Toccherà ai negoziatori sviluppare intese ulterori "il prima possibile", come recita il testo delle conclusioni, su questo snodo cruciale.

Orban era arrivato a Bruxelles pronto alla trincea e aveva attaccato frontalmente la Commissione: "Se ci troviamo in questa situazione difficile è perché si è mossa in modo irresponsabile". Nel mentre il presidente ucraino Zelensky, collegato in videoconferenza, ha spronato i colleghi europei a "non dividersi" e ad approvare "in fretta" le sanzioni. Certo, il Consiglio (straordinario) non è stato convocato appositamente per risolvere l'impasse sul greggio, anzi.

 

La risposta alla questione energetica è RePowerEu.

Il confronto è stato serrato ma costruttivo su temi energtici chiave come il RePowerEu, il piano Ue per svincolarsi dagli idrocarburi russi e al contempo impostare la rotta verso l'autonomia energetica grazie alle rinnovabili.

La presidente della Commissione von der Leyen, alla conferenza finale ha significativamente dichiarato : “la risposta alla questione energetica è RePowerEu. Si fonda fondamentalmente su tre diversi pilastri di cui abbiamo discusso oggi. Il primo è la diversificazione rispetto ai combustibili fossili russi, in particolare al gas. Qui ora abbiamo istituito una task force congiunta per gli acquisti comuni, gli acquisti congiunti di gas. Perché il potere di mercato dell’insieme dei 27 dell’Unione europea è molto più grande di quello di ogni singolo Stato membro e otterremo condizioni migliori”. Il secondo elemento “su cui stiamo lavorando in RePowerEu è la sicurezza dell’approvvigionamento attraverso migliori interconnessioni in modo che il gas possa fluire ovunque sia necessario e, naturalmente, l’obiettivo comune di avere uno stoccaggio del gas più strategico in tutta l’Unione europea. Ecco una buona notizia: il nostro deposito di gas è già riempito al 41% della capacità, cinque punti percentuali in più rispetto all’anno scorso alla stessa data”.
Von der Leyene ha aggiunto “il terzo è il pilastro più importante, e questo è il massiccio investimento nelle rinnovabili. Sta accelerando la diffusione delle energie rinnovabili in tutta l’Unione europea. L’energia rinnovabile ha il grande vantaggio che non fa bene solo al clima, ma fa anche bene alla nostra indipendenza e alla nostra sicurezza di approvvigionamento, e crea posti di lavoro a casa. Quindi per questo piano, RePowerEu, abbiamo discusso con il Consiglio europeo, proponiamo di sostenerlo con 300 miliardi di euro di finanziamenti dell’Ue”.

 

Per la difesa, 200 miliardi di spese extra

Il menù dei leader al Consiglio ha di nuovo trattato del rafforzamento della difesa comune, partendo dalla base industriale europea. Lo ha sottolineato la stessa Presidente della Commissione: “La guerra, ancora una volta, è stata ed è un duro promemoria per i nostri Stati membri sulla necessità di rafforzare le nostre capacità di difesa”, ha osservato Von der Leyen. “Dall’inizio della guerra, i leader e gli Stati membri si sono fatti avanti e hanno annunciato 200 miliardi di euro di spese militari extra. Ora, è importante garantire di ottenere il massimo valore da questo aumento e investimento aggiuntivo”.

 

La sicurezza alimentare 

Infine, il tema della sicurezza alimentare, sul quale Von der Leyen non ha nascosto che l'Unione si trova “di fronte a un’urgenza assoluta. E cioè: 20 milioni di tonnellate di grano sono bloccate in Ucraina e devono uscire." assicurando di lavorare "alacremente sulle vie della solidarietà che consentiranno di far emergere parti di questo grano attraverso rotte terrestri e treni verso le nostre parti”. È inoltre necessario “dar sollievo alle popolazioni vulnerabili per permettersi il cibo."

L'impegno è di ben 2,5 miliardi di euro con la proposta di mobilitare le riserve del Fondo europeo di sviluppo per sostenere l’Africa subsahariana.

Il Consiglio europeo “chiede alla Russia di porre fine ai suoi attacchi alle infrastrutture di trasporto in Ucraina, di revocare il blocco dei porti ucraini del Mar Nero e di consentire le esportazioni di generi alimentari, in particolare da Odessa”. L’Unione europea sta adottando “misure attive per facilitare le esportazioni agricole dell’Ucraina e per sostenere il settore agricolo ucraino in vista della stagione 2022”.

 

Il sesto pacchetto di sanzioni alla Russia 

In conclusione il Consiglio europeo straordinario di fine maggio ha dato il via libera al sesto pacchetto di sanzioni all'aggressore russo dell'Ucraina. Di particolare rilevanza, oltre al principale provvedimento ovvero l'embargo del petrolio di Mosca via mare, è l'esclusione da Swift della più grande banca russa, la Sberbank, nonchè le limitazioni a tre emittenti di Mosca e l'inclusione nella lista nera dell'Ue di ulteriori enti e personalità varie.

A dispetto di quanti giudicano con scetticismo la difficile ricerca di coesione nell'Unione europea, è la frequenza straordinaria dei consessi che testimonia invece il contrario ovvero che gli sforzi negoziali delle istituzioni di Bruxelles e dei principali leader stanno conducendo, da mesi, a provvedimenti concreti che non vanno sottovalutati considerando lo svolgersi di una guerra al confine est del vecchio continente.

 

 

Antonio De Chiara @Europolitiche

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it