instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Ripartire dalle città. Pnrr e risorse europee per costruire nuove infrastrutture sociali e di mobilitàTransizione ecologica ed Europa dei territori. Dialogo con Rossella MuroniAccordo tra Macron e Scholz sulla "solidarietà energetica" franco-tedescaGran Bretagna: Liz Truss è la nuova premierIl Manifesto di Ventotene raccontato ai bambiniDecisioni in vista con il Consiglio straordinario sull'energiaLa missione diplomatica a Kiev guidata dal Presidente del network Eurocities NardellaGentiloni: "Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità"Germania : il governo Scholz al lavoro per evitare una spirale recessiva nel secondo semestre 2022Convergenze nell'incontro tra Borrell e Blinken al vertice AseanStima flash Eurostat. Gentiloni: non siamo in recessione, ma resta l'incertezza per i prossimi mesiItalia: Draghi non ha più la maggioranzaCroazia, Gentiloni: "Vostro viaggio verso l'euro e' stato straordinario"L'Europa si può rigenerare. Intervista a Gaetano SaterialeIl G7 in Germania. Energia e Ucraina al centro dei lavori.Il Consiglio europeo di giugno. Concesso status a Ucraina e Moldavia di Paesi candidatiLe Resultat des Legislatives en FranceScholz, Macron e Draghi a KievLe elezioni legislative in FranciaAccordo Ue sulla ridistribuzione dei migrantiVisita lampo della presidente Von der Leyen a KievGli scenari associati alle migrazioni globali e alle rotte verso l'Unione europeaAll'orizzonte una nuova Europa sociale con la bozza di direttiva sui salari minimi adeguatiAdottato dal Consiglio UE il sesto pacchetto di sanzioni alla RussiaIl Programma UE Med Dialogue promuove il Festival dei Cittadini del MediterraneoCon il Consiglio straordinario di fine maggio, l'UE accresce la sua sicurezza energetica ed alimentareMichel ai 27: urgente autonomia energetica ed alimentare dell'UELa strategia REPowerEU della Commissione europeaNell'UE servono ancora politiche espansive di bilancioMacron auspica la creazione di una Comunità politica europeaConsiglio Ue: intesa per stock comuni del gas prima dell'invernoL'Unione Europea con una serie di iniziative istituzionali ha celebrato il 9 maggio la giornata dell'EuropaPrimo Maggio: la festa degli europei che chedono lavoro e dignitàLa France après les élections présidentiellesGli europei tra i 40 paesi convocati dagli Stati Uniti a Ramstein. Deciso l'invio di armi pesanti all'Ucraina.
europolitiche

Gentiloni: "Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità"

22-08-2022 11:06

Europolitiche

Europolitiche, europolitica, italia, Commissione europea, eurpolitiche, Gentiloni, Paolo Gentiloni, politica estera dell'Unione europea, politica etra Ue, pnrr, Bruxelles, Meeting di Rimini, 20 agosto 2022,

Gentiloni: "Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità"

Secondo il Commissario Europeo "non c'è nessun altro come l'Unione Europea che possa farsi paladino dei valori di pace, libertà ed economia sociale".

Il Commissario Europeo per gli Affari Economici Paolo Gentiloni è intervenuto sabato 20 agosto a Rimini al Meeting per l'amicizia fra i popoli.

Gentiloni ha, come in recenti occasioni, significativamente ribadito la necessità di costruire "un'Europa che non sia spettatrice ma protagonista". Inistendo sul concetto che "non c'è nessun altro come l'Unione Europea che possa farsi paladino dei valori di pace, libertà ed economia sociale".

A questo scopo, per il Commissario Europeo, serve una presenza internazionale di maggiore impatto: "questo ruolo dobbiamo esercitarlo anche fuori dai nostri confini. Serve una politica estera comune europea, superando il principio dell'unanimità", ha aggiunto e non solo "per far concorrenza alla Russia ma per rivolgersi  al Mediterraneo ed all'Africa, per non lasciare al capitalismo di stato come quello cinese spazio libero in Africa. Averla significa contare", ha sottolineato.

Soffermandosi sull'attuazione del Piano di resilienza europeo in Itlaia Gentiloni ha detto: "Bisogna accelerare sui piani, non ripensare o ricominciare da capo. Se c'è qualcosa di concreto da modificare, le porte a Bruxelles son aperte. Ma lo sono per cose limitate, non per ricominciare da capo un programma da cui dipende la sorte dell'economia europea". Un chiaro riferimento all'esigenza di non stravolgere quanto fatto nello strutturae a fine della legislatura scorsa questo Pnrr, che la Commissione europea ritiene fondamentale per rilanciare l'Italia e l'Ue.

 

board @europolitiche

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder