instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
European reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaIl decimo vertice del Comitato europeo delle regioniVoices: il festival europeo del giornalismo e della media literacyEuroparlamento: si al Media Freedom Act, la legge che protegge i media da ingerenze politicheL'Europa e le sue famiglie politiche. Conversazione con Benedetto LigorioEurogruppo: Gentiloni, una sfida da vincere i tempi previsti dal nuovo Patto di StabilitàPPE: Von der Leyen candidata per un secondo mandato alla Presidenza della Commissione UEA Roma lanciate nuove forme di partecipazione dei cittadini europeiAppunti sul tempo nuovo europeo. La lezione di Salvatore Veca per la buona politicaPPE: al via il congresso. Weber: difendere l'Ue contro nazionalismi ed estremistiPSE: Nicolas Schmit candidato dal congresso di Roma alla Presidenza della Commissione UeDue anni senza David. L'omaggio di Firenze al nuovo umanesimo europeista di Sassoli"L'Europa nel vortice. Dal 1950 ad oggi" di Jan KershawLa Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancio
europolitiche

Sanchèz nuova guida dell’Internazionale Socialista

05-12-2022 12:30

Europolitiche

Europolitiche, internazionale socialista, pedro sanchez, novembre 2022, congresso dell'internazionale socialista di Madrid, Psoe spagnolo,

Sanchèz nuova guida dell’Internazionale Socialista

Il segretario del PSOE e premier spagnolo, è stato eletto al Congresso internazionale tenutosi del 25 al 27 novembre a Madrid

Pedro Sanchèz, segretario del PSOE e premier spagnolo, è stato eletto alla guida dell’Internazionale Socialista riunitasi a Madrid dal 25 al 27 novembre dalle delegazioni dei partiti socialisti, socialdemocratici e laburisti di tutto il mondo.

E' di rilevante significato che dopo quaranta anni il congresso si sia svolto nella capitale spagnola e che i socialisti del Psoe per la prima volta esprimano ed eleggano un loro candidato.

Tra gli europei, spicca anche la conferma dell'italiana Pia Locatelli, a presidente onoraria dell’Internazionale socialista donne.

Sanchez ha voluto sottolineare al congresso che “la socialdemocrazia non è un concetto vecchio e anzi, una politica socialdemocratica rivitalizzata è l’unica  risposta globale alla conquista dei diritti, per una fiscalità equa, all’emergenza climatica, alla parità di genere”.

Del resto, i fragili equilibri politici - con due elezioni nel 2019, una maggioranza risicata nel 2020 e un rimpasto nel 2021.- si sono riflessi nella travagliata vita della maggioranza guidata da Sanchez il quale ha saputo reggere con particolare capacità di guida politica al governo della Spagna.

Oltre alla tenuta sui diritti civili acquisiti, che fanno della Spagna uno dei Paesi più aperti e tolleranti in Europa, l'esecutico Sanchez ha messo in campo riforme d'impatto e d'impronta egualitarista sia nel sistema fiscale reso più equo in favore dei meno abbienti che nel mercato del lavoro, con l'adozione di normative a maggiore tutela per i lavoratori.

Per la platea di spagnoli dei segmenti di reddito più alti Sanchez ha previsto un contributo di solidarieta. Alle società energetiche sono state appplicate imposte straordinarie con prelievi sui maxiprofitti.

Ha avuto vasta eco in Europa la riforma del mercato del lavoro che premia la stabilizzazione e alla quale è associata una modesta ma significativa riduzione della precarietà d'impiego. Sanchez con l'introduzone di un reddito minimo garantito, dell’innalzamento del salario minimo e di una legge per la maggior tutela dei rider, può presentarsi alle prossime tornate elettorali forte di una fattore reputazionale riformista di tutto rispetto.

 

Antonio De Chiara@europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it