instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politica
europolitiche

Sanchèz nuova guida dell’Internazionale Socialista

05-12-2022 12:30

Europolitiche

Europolitiche, internazionale socialista, pedro sanchez, novembre 2022, congresso dell'internazionale socialista di Madrid, Psoe spagnolo,

Sanchèz nuova guida dell’Internazionale Socialista

Il segretario del PSOE e premier spagnolo, è stato eletto al Congresso internazionale tenutosi del 25 al 27 novembre a Madrid

Pedro Sanchèz, segretario del PSOE e premier spagnolo, è stato eletto alla guida dell’Internazionale Socialista riunitasi a Madrid dal 25 al 27 novembre dalle delegazioni dei partiti socialisti, socialdemocratici e laburisti di tutto il mondo.

E' di rilevante significato che dopo quaranta anni il congresso si sia svolto nella capitale spagnola e che i socialisti del Psoe per la prima volta esprimano ed eleggano un loro candidato.

Tra gli europei, spicca anche la conferma dell'italiana Pia Locatelli, a presidente onoraria dell’Internazionale socialista donne.

Sanchez ha voluto sottolineare al congresso che “la socialdemocrazia non è un concetto vecchio e anzi, una politica socialdemocratica rivitalizzata è l’unica  risposta globale alla conquista dei diritti, per una fiscalità equa, all’emergenza climatica, alla parità di genere”.

Del resto, i fragili equilibri politici - con due elezioni nel 2019, una maggioranza risicata nel 2020 e un rimpasto nel 2021.- si sono riflessi nella travagliata vita della maggioranza guidata da Sanchez il quale ha saputo reggere con particolare capacità di guida politica al governo della Spagna.

Oltre alla tenuta sui diritti civili acquisiti, che fanno della Spagna uno dei Paesi più aperti e tolleranti in Europa, l'esecutico Sanchez ha messo in campo riforme d'impatto e d'impronta egualitarista sia nel sistema fiscale reso più equo in favore dei meno abbienti che nel mercato del lavoro, con l'adozione di normative a maggiore tutela per i lavoratori.

Per la platea di spagnoli dei segmenti di reddito più alti Sanchez ha previsto un contributo di solidarieta. Alle società energetiche sono state appplicate imposte straordinarie con prelievi sui maxiprofitti.

Ha avuto vasta eco in Europa la riforma del mercato del lavoro che premia la stabilizzazione e alla quale è associata una modesta ma significativa riduzione della precarietà d'impiego. Sanchez con l'introduzone di un reddito minimo garantito, dell’innalzamento del salario minimo e di una legge per la maggior tutela dei rider, può presentarsi alle prossime tornate elettorali forte di una fattore reputazionale riformista di tutto rispetto.

 

Antonio De Chiara@europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it