instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Berlino scioglie gli indugi e fornirà all'Ucraina i Leopard 2. Da Washington arriveranno gli AbramsRuolo e funzioni della rete Europe Direct. Conversazione con Dario NoscheseMarc Angel eletto nuovo vicepresidente del Parlamento europeoTimmermans in Ucraina: Ue garantirà ingenti aiuti per la ricostruzioneBreton: preserveremo l'industria dell'Ue e il mercato unicoL'unanime condanna europea dell'assalto in BrasileCovid, Ue: obbligo di tampone negativo prima della partenza dalla CinaEuropa e crisi del pensiero nella lezione di Edgar MorinBuone feste !Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di MontrealGas: accordo sul price-cap al Consiglio affari energiaL'ultimo Consiglio europeo del 2022Il Qatargate scuote il Parlamento europeo. Agli arresti la vicepresidente KailiGas: sul price cap l'Ue cerca ancora un accordoAll'Ecofin l'Ungheria pone il veto sui fondi a KievL'Eurogruppo valuta i bilanci degli Stati membriGaetano Sateriale si unisce al Board di EuropoliticheLa visita del Presidente Macron alla Casa BiancaVon der Leyen: nuovi quadri normativi Ue sugli aiuti di StatoVon der Leyen: il Green Deal Ue e il monopolio cinese delle materie prime criticheSanchèz nuova guida dell’Internazionale SocialistaPNNR: parla l'esperto di fondi europei Vito VaccaCommissione Ue: congelati 7,5 miliardi all’Ungheria. Servono 17 misure per ripristinare lo stato di dirittoLagarde: non siamo ancora al picco dell'inflazione nella Zona EuroTimori nell'UE per il neoprotezionismo industriale e tecnologico UsaIl 70' anniversario del Parlamento europeo. Nel 1952 la prima seduta della CecaParlamento UE approva risoluzione su "Russia sponsor del terrorismo".La fiducia nella scienza nell'Europa di ieri e di oggi. Intervista al professor Alessandro De AngelisCOP27: l'UE chiede misure concrete e il rispetto degli Accordi di ParigiLa Bce procede con l'aumento dei tassiRishi Sunak è il nuovo Primo Ministro della Gran BretagnaConsiglio europeo : raggiunto l'accordo sul dossier GasRegno Unito : Liz Truss si dimette da Primo MinistroL'ex premier svedese Loefven eletto Presidente dei socialisti europeiGas : la Commissione propone un price cap dinamico e temporaneo
europolitiche

Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di Montreal

20-12-2022 16:22

Europolitiche

Europolitiche, europolitiche , cop15 , canada, biodiversità,

Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di Montreal

La delegazione del Parlamento europeo è tornata con grandi soddisfazioni per l'accordo raggiunto.

Dai lavori intercorsi tra il 7 ed il 19 dicembre a Montreal della COP15, la Convenzione Onu sulla diversità biologica, la delegazione del Parlamento europeo è tornata con grandi soddisfazioni per l'accordo raggiunto.

L'importante accordo definisce un quadro globale per la biodiversità post-2020, inserendo obiettivi ambiziosi come il “30 by 30”, che prevede la protezione di almeno il 30% delle terre e dei mari entro il 2030.

Il capodelegazione europeo César luena, ha sintetizato i risultati con una dichiarazione e margine dei lavori: "Siamo estremamente soddisfatti di avere ottenuto un nuovo Quadro Globale per la Biodiversità post-2020 per proteggere la biodiversità, dopo i ritardi dovuti alla Covid-19. L'accordo non è forse così ambizioso come avremmo voluto inizialmente, ma è un passo avanti fondamentale negli sforzi globali per arrestare e invertire la perdita di biodiversità.

Siamo inoltre particolarmente lieti che l'accordo contenga l'obiettivo cruciale della protezione 30 by 30 e l'istituzione di un obiettivo globale di recupero che richiederà il ripristino di almeno il 30% degli ecosistemi degradati entro il 2030. L'Unione europea sta già lavorando a uno strumento per mettere in pratica questo importante obiettivo attraverso il regolamento sul ripristino della natura, che sto negoziando per il Parlamento." .

Il membro della delegazione S&D João Albuquerque, ha, a sua volta, dichiarato: "Questo è un giorno molto importante per la biodiversità. La biodiversità è in crisi, con un milione di specie vegetali e animali a rischio di estinzione. Ciò può avere gravi conseguenze, non solo per la natura in sé, ma anche per le nostre società, visti i molteplici servizi ecosistemici da cui dipendiamo.

Ora che abbiamo un accordo, ciò che conta è l'attuazione. È essenziale che vi sia un finanziamento sufficiente per la biodiversità da tutte le fonti. La riforma dei sussidi dannosi per la biodiversità dovrebbe essere una priorità.  Abbiamo anche bisogno di solidi meccanismi di monitoraggio e revisione per assicurarci che i progressi vengano compiuti e che gli obiettivi e i traguardi stabiliti vengano raggiunti. I precedenti obiettivi globali sulla biodiversità, i cosiddetti obiettivi di Aichi, non sono stati raggiunti. È fondamentale che questa volta facciamo le cose per bene. "

 

desk@europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder