instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
Berlino scioglie gli indugi e fornirà all'Ucraina i Leopard 2. Da Washington arriveranno gli AbramsRuolo e funzioni della rete Europe Direct. Conversazione con Dario NoscheseMarc Angel eletto nuovo vicepresidente del Parlamento europeoTimmermans in Ucraina: Ue garantirà ingenti aiuti per la ricostruzioneBreton: preserveremo l'industria dell'Ue e il mercato unicoL'unanime condanna europea dell'assalto in BrasileCovid, Ue: obbligo di tampone negativo prima della partenza dalla CinaEuropa e crisi del pensiero nella lezione di Edgar MorinBuone feste !Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di MontrealGas: accordo sul price-cap al Consiglio affari energiaL'ultimo Consiglio europeo del 2022Il Qatargate scuote il Parlamento europeo. Agli arresti la vicepresidente KailiGas: sul price cap l'Ue cerca ancora un accordoAll'Ecofin l'Ungheria pone il veto sui fondi a KievL'Eurogruppo valuta i bilanci degli Stati membriGaetano Sateriale si unisce al Board di EuropoliticheLa visita del Presidente Macron alla Casa BiancaVon der Leyen: nuovi quadri normativi Ue sugli aiuti di StatoVon der Leyen: il Green Deal Ue e il monopolio cinese delle materie prime criticheSanchèz nuova guida dell’Internazionale SocialistaPNNR: parla l'esperto di fondi europei Vito VaccaCommissione Ue: congelati 7,5 miliardi all’Ungheria. Servono 17 misure per ripristinare lo stato di dirittoLagarde: non siamo ancora al picco dell'inflazione nella Zona EuroTimori nell'UE per il neoprotezionismo industriale e tecnologico UsaIl 70' anniversario del Parlamento europeo. Nel 1952 la prima seduta della CecaParlamento UE approva risoluzione su "Russia sponsor del terrorismo".La fiducia nella scienza nell'Europa di ieri e di oggi. Intervista al professor Alessandro De AngelisCOP27: l'UE chiede misure concrete e il rispetto degli Accordi di ParigiLa Bce procede con l'aumento dei tassiRishi Sunak è il nuovo Primo Ministro della Gran BretagnaConsiglio europeo : raggiunto l'accordo sul dossier GasRegno Unito : Liz Truss si dimette da Primo MinistroL'ex premier svedese Loefven eletto Presidente dei socialisti europeiGas : la Commissione propone un price cap dinamico e temporaneo
europolitiche

L'unanime condanna europea dell'assalto in Brasile

09-01-2023 13:12

Europolitiche

Europolitiche, brasile, lula, assalto, bolsonaro, domenica 8 gennaio 2023,

L'unanime condanna europea dell'assalto in Brasile

Manifestanti pro-Bolsonaro si sono introdotti negli edifici della Corte Suprema, del Congresso e nel palazzo presidenziale. 46 i feriti anche gravi. 400 arresti

Nel corso del pomeriggio di domenica 8 gennaiio in Brasile è andata in scena la "Capitol Hill" del Brasile con l'assalto dei sostenitori di Jair Bolsonaro al Palazzo del Planalto e agli altri centri del potere di Brasilia,

I manifestanti si sono introdotti negli edifici della Corte Suprema, del Congresso e nel palazzo presidenziale oltre ad aver rotto finestre, ribaltato mobili, distrutto opere d'arte, hanno rubato la Costituzione originale del 1988. Armi sono state prelevate da un ufficio di sicurezza del presidente.

 

Il sostegno planetario alle istituzioni democratiche brasiliane

 

Nel mondo ed in Europa si sono moltiplicate le dichiarazioni di sostegno a Lula e alla democrazia del sub-continente verdeoro.

Unanime la condanna dai vertici istituzionali dell'Unione europea.

"Il Parlamento europeo sta da parte del Governo Lula e tutte le istituzioni legittimamente e democraticamente elette" scrive in un tweet la presidente dell'Eurocamera Metsola.

Dello stesso tono il tweet del presidente del Consiglio Ue, Charles Michel: "Condanna assoluta dell'assalto alle istituzioni democratiche del Brasile. Pieno sostegno al Presidente Lula Da Silva, democraticamente eletto da milioni di brasiliani attraverso elezioni giuste e libere".

Anche la presidente della Commissione Ue von der Leyen condanna "fermamente l'assalto alla democrazia in Brasile. E' una grande preoccupazione per tutti noi, difensori della democrazia". Aggiungendo: "il pieno sostegno al presidente Lula, eletto liberamente". 

l'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Josep Borrell si è detto "costernato".

 

I provvedimenti in Brasile dopo l'assalto.

 

Sono stati effettuati oltre mille arresti tra i manifestanti. E' stato inoltre rimosso il governatore di Brasilia.

Almeno 46 persone, di cui sei in condizioni gravi, sono rimaste ferite nei disordini, secondo i media spagnoli, che citano i dati forniti dall'Ospedale di Brasilia.

 

Antonio De Chiara @europolitiche.it

 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder