instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politica
europolitiche

"L'Europa nel vortice. Dal 1950 ad oggi" di Jan Kershaw

02-03-2024 11:54

Europolitiche

Europolitiche, Cultura politica, storia europea, europa nel vortice , Jan Kershaw, Latera 2022, integrazione europea,

"L'Europa nel vortice. Dal 1950 ad oggi" di Jan Kershaw

La recensione del libro del noto storico inglese nell'edizione italiana del 2022, uscito per Penguin nel 2019. A cura di Antonio De Chiara.

Recensione di “L'Europa nel vortice. Dal 1950 a oggi”

  • Autore: Jan Kershaw
  • Casa Editrice: Laterza, Bari_ Roma
  • Pagine: 800
  • Data di uscita: 17-03-2022 

Ian Kershaw, uno dei maggiori storici contemporanei, prosegue il suo viaggio nella storia del nostro continente nel '900. Il suo voluminoso libro pubblicato nel 2018 per Penguin Randon House "Roller-Coaster. Europe 1950-2017” è stato tradotto da Laterza per la collana Cultura storica nel 2020 e nella Biblioteca storica nel marzo del 2022.  

Lo storico inglese narra degli eventi storici continentali negli anni compresi tra il 1950 e il 2017. Kershaw delinea un bilancio consuntivo della trasformazione dell'Europa nei sette decenni post-1950 nei dodici capitoli che propone al lettore corredandoli di un proscritto e di una appendice.

Secondo l'autore, nei decenni seguiti alla seconda guerra mondiale, la stupefacente ripresa dell'Europa è condizionata da una “matrice dello sviluppo” a più fattori. I principali sono la fine delle ambizioni di grande potenza della Germania, il riassetto geopolitico della dell'Europa centrale e orientale, la subordinazione degli interessi nazionali a quelli delle due superpotenze, l'impetuoso e improvviso affiorare di una crescita economica senza precedenti e l'effetto dissuasivo della minaccia costituita dalle armi nucleari.

Intorno al 1970 questi fattori arrivano ad avere una importanza molto minore rispetto agli anni dell'immediato dopoguerra. Con la fine del lungo boom economico, secondo Kershaw muta il paradigma dell'ordine economico postbellico con l'inizio di quella che retrospettivamente può essere considerata una nuova matrice, che prende forma solo gradatamente durante i successivi venti anni. Kerhaw la chiama “matrice della nuova insicurezza” con il suo portato di economie liberalizzate e deregolamentate, una globalizzazione impetuosa, la prima rivoluzione informatica e, dopo il 1990, l'emergere di una costellazione multipolare di centri di potenza a livello globale. Lo storico inglese parla di amalgama delle componenti citate in senso trasformazionale delle esistenze stesse dei nuovi europei alle prese con la caduta della cortina di ferro e il rapido innervarsi di Internet. Allargando lo sguardo alla dimensione geopolitica comparativa tra i grandi Paesi europei, Kershaw attribuisce alla Germania, uscita a pezzi dal secondo conflitto, un posto centrale. Sulla rivisitazione storica di questo Paese, Kershaw si conferma particolarmente efficace, essendo uno specialista riconosciuto, essendo uno dei più accreditati storici del nazismo. Cosicché  narra di Una Germania centrale  nella ripresa economica postbellica, centrale nella Guerra Fredda, centrale nella fine della Guerra Fredda, centrale nell'ampliamento dell'integrazione europea, centrale nella creazione dell'euro, centrale nella crisi dell'Eurozona e infine centrale nei primi tuttora embrionali passi per riformare l'Unione Europea. La leadership tedesca nell'UE, assunta non senza riluttanza, si dispiega in asse con la Francia, meglio attrezzata sul piano della collocazione storica negli equilibri occidentali a trazione statunitense.    

In conclusione , possiamo rilevare come, dopo "All'inferno e ritorno",  l'affresco del noto storico inglese ricostruisce l'Europa in cui viviamo e le sue origini. Un libro che, come suggerisce la sinossi editoriale, ci fa scoprire cosa vuole dire essere 'europei'.

 

Antonio De Chiara per @europolitiche.it

 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it