instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
European reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaThe tenth meeting of the European Committee of the RegionsVoices: the European festival of journalism and media literacyEuropean Parliament: yes to the Media Freedom Act, the law that protects the media from political interferenceEurope and its political families. Conversation with Benedetto LigorioEurogroup: Gentiloni, a challenge to be overcome within the timeframe set by the new Stability PactEPP: Von der Leyen candidate for a second term as President of the EU CommissionNew forms of European citizens' participation launched in RomeNotes on the New European Time. Salvatore Veca's lesson for good politicsEPP: Congress starts. Weber: Defending the EU against nationalism and extremistsPES: Nicolas Schmit candidate for the Presidency of the EU Commission from the Rome CongressTwo years without David. Florence's homage to Sassoli's new Europeanist humanismThe review of "Europe in the vortex. From 1950 to today" by Jan KershawThe Conference on Ukraine in ParisLagarde: EU Parliament leads action to strengthen eurozoneDraghi at Ecofin: "the EU is not keeping pace, we must invest enormous public and private sums "Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancio
europolitiche

L'europeismo realista di Olaf Scholz in plenaria a Strasburgo

09-05-2023 15:58

Europolitiche

Europolitiche, germania, Olaf Scholz, parlamento europeo, plenaria del parlamento europeo, Cancelliere scholz, strasburgo, 9 maggio, plenaria a strasburgo, plenaria maggio 2023,

L'europeismo realista di Olaf Scholz in plenaria a Strasburgo

Martedi 9 maggio è risuonata a Strasburgo la voce del cancelliere tedesco intervenuto in plenaria al Parlamento europeo

Martedi 9 maggio, nell'emiciclo del Parlamento europeo a Strasburgo è risuonata la voce del cancelliere tedesco Olaf Scholz. 

Il cancelliere, intervenuto in plenaria, ha rimarcato che “Il 9 maggio“, data che ricorda la Dichiarazione Schuman del 1950, “è l’unica risposta corretta e lungimirante alla guerra mondiale scatenata dalla Germania, al nazionalismo distruttivo e alla megalomania imperialistica. Oggi, 73 anni fa, il ministro degli Esteri francese Robert Schuman proponeva di creare una nuova ‘Europa organizzata e vibrante’. All’inizio ci fu la comunitarizzazione del carbone e dell’acciaio. In altre parole, i beni che sono stati utilizzati per decenni per fabbricare armi. Armi che i nostri nonni e bisnonni usavano per spararsi a vicenda. Il sogno dei padri e delle madri d’Europa era di porre fine una volta per tutte a questo reciproco massacro. Questo sogno si è avverato per noi. La guerra tra i nostri popoli è diventata inimmaginabile, grazie all’Unione europea”. 

Scholz ha invocato riforme per l’Unione europea, superando l’unanimità in Consiglio, assegnando maggiori competenze alla Commissione e ribadendo la centralità del Parlamento nell’architettura politica comuntaria.

L'enfasi europeista non è mancata, in particolare quando Scholz ha dichiarato che "padri e le madri fondatrici assegnarono all’Europa un compito che andava ben oltre la sua pacificazione interna. Per loro era chiaro: l’Europa ha una responsabilità globale. Perché il benessere dell’Europa è inseparabile dal benessere del resto del mondo”.

Ma Scholz non ha lesinato realismo nelle prospettive future dell'Unione europea notando che “450, forse 500 milioni di persone dopo il prossimo allargamento” dell’Ue verso i Balcani, “vivono nell’Ue. Questo è solo il cinque percento della popolazione mondiale" e prefigurando che gli europei dovranno confrontarsi con equilibri geopolitici multipolari.

 

desk@europolitiche.it
 

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it