instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Sanchez convoca per il 23 luglio le elezioni anticipate in Spagna

29-05-2023 15:57

Europolitiche

Europolitiche, socialisti spagnoli, spagna, Sanchez, pedro sanchez, elezioni politiche, popolari spagnoli, governo spagnolo, Madrid,

Sanchez convoca per il 23 luglio le elezioni anticipate in Spagna

La decisione è maturata a seguito della mancata affermazione del Partito socialista nelle amministrative del 28 maggio

Pedro Sanchez, in qualità di Primo Ministro, ha sciolto il parlamento spagnolo e ha convocato per il 23 luglio le elezioni politiche anticipate. 

La decisione è maturata a seguito della mancata affermazione del Partito Socialista nelle amministrative del 28 maggio.

Il Psoe mantiene il controllo del governo regionale nelle Asturie e, forse alle Canarie e in Navarra. In bilico la Comunità di Castiglia La Mancia, con i socialisti in leggero vantaggio. Riconosciuta la sconfitta, il partito guidato dal premier ha affermato che, dopo l'analisi della sconfitta, avvierà una strategia efficace per tentare di vincere a luglio. 

Unidas Podemos riduce radicalmente la sua rappresentanza in diversi municipi e comunità e cresce la preoccupazione per le politiche di luglio, dove comunque il voto di opinione potrebbe aiutarli a recuperare consensi. Nel quartier generale di Ciudadanos hanno preso atto della debacle del partito che, a questo punto, è dato in difficoltà alle prossime politiche generali.

Il Partito Popolare , all'opposizione in parlamento e guidato dal 2002 da Alberto Nuñez Feijóo,  ha ottenuto i numeri per spodestare dal governo il centrosinistra, in caso di accordo con gli ultraconservatori di Vox, in almeno 3 delle 12 comunità autonome in cui domenica si è andati al voto per le amministrative. I tre territori con governatori socialisti non confermati, sono la Comunità Valenciana, in Aragona e nelle Baleari. La stessa prospettiva si profila in Estremadura, dove, tuttavia, il Psoe resterebbe almeno primo partito.

I popolari hanno trionfato nella Comunità di Madrid con la conferma della governatrice uscente Isabel Díaz Ayuso per la quale si profila un terzo mandato, essendo andata oltre la maggioranza assoluta e potendo fare a meno di sostegni di altre formazioni, come invece avvenuto nei due passati mandati amministrativi. Maggioranza assoluta per i popolari anche a La Roja, e, insieme a Vox, governerebbero anche la Cantabria. Confermata, come da previsioni, la guida popolare alla comunità di Murcia, un feudo tradizionale. 

La nuova formazione Sumar lanciata dalla ministra del lavoro Yolanda Diaz non ha partecipato alle amministrative ma si candiderà alle Politiche. 

 

desk@europolitiche.it

 

 

 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it