instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

La rigenerazione italiana ed europea nel pensiero sociale del Codice di Camaldoli. Conversazione con Alberto M

26-07-2023 14:30

Europolitiche

Europolitiche, Macro/Scenari, europolitiche, Alessandro Mauriello, europeismo cristiano, codice di camaldoli, europolitica , Alberto Mattioli, De Gasperi, Schumann, Adenauer,  Moro,  La Pira,

La rigenerazione italiana ed europea nel pensiero sociale del Codice di Camaldoli. Conversazione con Alberto Mattioli

Nel luglio 1943 veniva pubblicato uno dei documenti ispiratori dell'impegno degli europeisti cristiani nel secondo cinquantennio del Novecento.

Ottanta anni fa veniva alla luce il Codice di Camaldoli, un condensato di settantasette enunciati redatto da una schiera di intellettuali italiani per far emergere una concezione delle società democratiche che organizzano istituzioni e vita economica proponendo uno sviluppo scevro dagli estremi ideologici del credo liberista e, di converso, di quello collettivista. Una sorta di Carta di principi che ha richiamato, per la ricorrenza, una vasta attenzione negli ambienti intellettuali e politici italiani ed internazionali. Abbiamo il piacere di conversarne con il saggista Alberto Mattioli, autore di diversi contributi sulla rigenerazione intellettuale e civile italiana ed europea alla luce delle correnti di pensiero richiamate. 

A cura di Alessandro Mauriello.

 

 

Dottor Mattioli ci può, in sintesi, spiegare cosa è il Codice di Camaldoli?

Il Codice richiamato nella sua domanda, è un documento politico programmatico che fu redatto da un ensemble di importanti intellettuali cattolici, dal 18 luglio al 23 luglio del 1943, di cui oggi luglio 2023 celebriamo gli 80 anni con convegni e seminari. Intellettuali del Movimento Laureati Cattolici e alti dirigenti delle istituzioni. Da Giorgio La Pira a Pasquale Saraceno, Sergio Paronetto,  Ezio Vanoni, Adriano Bernareggi. 

Dai nomi si evince che il documento è un ragionamento complessivo sulla realtà politica, articolato su vari temi che compongono gli aspetti multiformi della società, dallo sviluppo economico, all’etica del lavoro, fino allo sviluppo sociale contro il pericolo della politica epidermica di oggi, nella quale vi è  la separazione tra cultura e politica, come afferma il presidente della Cei  Zuppi nella sua prolusione per il seminario su Camaldoli.

Un documento complesso, che esprimeva il contributo di una visione integrata del cattolicesimo, alla ricostruzione democratica del paese, anche con influenze della Rerum Novarum e della dottrina sociale della Chiesa.

Ciò si vedrà plasticamente nella fase Costituente del paese; poiché molti esponenti cattolici fecero parte della redazione ufficiale della nostra Carta Fondamentale, donando in termini concreti idee ricostruttive alla trasformazione del nostro sistema politico istituzionale per esempio  sul libero mercato con limiti e regole certe, sul lavoro, sulla giustizia sociale, sui beni comuni.

 

Come ha influenzato il processo di rigenerazione europea?

La ringrazio per la domanda perché mi consente un a digressione, che però entra nel perimetro delineato dal Codice.

Mi spiego meglio in termini di azione politica, in qualche modo il Codice Camaldoli,  il Codice di Malines, la Rerum Novarum e il Quadragesimo Anno costituiscono il nucleo fondamentale del cattolicesimo politico come afferma Norberto Bobbio, che organicamente costruirà come famiglia politica nel post guerra le istituzioni europee, come le conosciamo oggi, nel loro processo evolutivo di stop and go.

Con uomini del calibro di  De Gasperi, Schumann, Adenauer,  Moro,  La Pira.

Guardando al panorama attuale per il perseguimento del progetto europeista,  pensiamo all’impegno istituzionale e alla saggezza del Presidente Mattarella , o al compianto presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

 

Lei ha lavorato con la prof.ssa chiara Tintori ad un libro importante su un nuovo Patto per l’economia. Quale contributo dell’economia di Francesco all’idea dello sviluppo sostenibile europeo?

Si insieme alla prof.ssa Chiara Tintori abbiamo curato questo volume denso di contributi di importanti studiosi (L. Becchetti, E. Giovannini ecc.),  che vuole essere un  apporto di idee per una elaborazione sistematica sul sistema paese alle prese con la crisi climatico-ambientale e i suoi riflessi sulla demografia ma anche sulle criticità che incontrano lo sviluppo economico e del Welfare.

Idee che guardano all’orientamento dello sviluppo integrale e all’Economia di Francesco, oltre lo sviluppo meramente economico,  e ponendo interrogativi sul bisogno di un Nuovo Umanesimo che governi i processi sugli assi di trasformazione del sistema mondo, guardiamo all’Intelligenza Artificiale e ai suoi effetti sul lavoro e sulle scienze della vita.

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it