instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politicaEurope profoundly shocked by shooting of Robert FicoSpring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion amid high geopolitical risksVentotene: l'isola che diventò continente. Chiara Bini dialoga con Francesca MercantiHappy Europe Day 2024A May of meetings and book presentations in Florence with EuropoliticheUn maggio di incontri a Firenze con EuropoliticheChinese President Xi Jimping completed a two-day state visit to ParisThousands of Georgians have taken to the streets of Tibilisi and are waving EU flags against the governmentSpain, Sanchez : “I have decided to go on, if possible even stronger as prime minister"French President Macron's speech on the EUNew EU fiscal rules approved by MEPsLetta presents the report on the future of the Single Market. The EU awaits Draghi's report in JuneParliament adopts reform of the EU electricity market
europolitiche

Francia e Italia, culture esemplari per coesione in Europa. Cronache e interviste dal Festival du Livre de Par

26-04-2023 11:28

Europolitiche

Europolitiche, europolitiche, libri, Parigi, Festival du Livre de Paris 2023, Italissimo, europolitiche a Parigi, coesione europea, Adriana Valenti Sabouret,

Francia e Italia, culture esemplari per coesione in Europa. Cronache e interviste dal Festival du Livre de Paris

a cura di Adriana Valenti Sabouret

«Passioni italiani » è il titolo evocativo di un’attraente programmazione comune al Festival du Livre de Paris e a Italissimo in cui l’Italia sarà all’onore permeando i lettori partecipanti alle attività del Festival dello spririto letterario sempre vivo della penisola.

Un programma ricco e vario prevede la presenza di una cinquantina di autori italiani portatori di culture, sensibilità, stili, generi e approcci diversi, ma ugualmente esigenti e fecondi. Autori osannati dal pubblico insieme ad altri più ‘’di nicchia’’, decisamente interessanti. Ogni lettore si sentirà così rappresentato da almeno un autore italiano che esprimerà simbolicamente la creatività culturale, artistica ed editoriale dello stivale. 

Dal 17 al 23 aprile, Parigi vibrerà quindi al ritmo della creatività italiana i cui rappresentanti si esprimeranno in italiano o in francese,  alimentando dialoghi fecondi fra gli autori e i partecipanti. 

Incontri, spettacoli, proiezioni e letture, si alterneranno per una settimana contaminando Parigi di uno spirito italiano decisamente  proteiforme.

Quest’anno, per la cultura italiana, è una grande festa perché la penisola non era stata all’onore da ben ventun anni, benché i lettori d’oltralpe non avessero mai cessato di leggere letteratura italiana contemporanea,  magari traendone dei gioiellini cinematografici, com’è accaduto per « Mal de pierres » tratto dal romanzo di Milena Agus « Mal di pietre » e portato al successo da Nicole Garcia e Jacques Fieschi, con una splendida interpretazione di Marion Cotillard.

Dai politologi agli ellenisti, dagli adepti dei romanzi storici ai romanzieri di storie di periferia, dagli autori di polizieschi agli amanti della montagna, dagl’intimisti ai fautori dell’amicizia, senza dimenticare le autrici sensibili alla condizione delle donne, Italissimo accoglie vecchi nomi e nuove voci per soddisfare al meglio la domanda di un pubblico  eterogeneo sempre crescente e voglioso d’incontri ‘’face à face’’ non soltanto con i loro autori favoriti, ma anche con scrittori da scoprire.

Non mancano i fautori del Mediterraneo, né gli scrittori che s’intrattengono sul sempiterno tema dell’amore.

Presente anche il fumetto, come pure l’Italia vista dal nord-est.

Anche il cinema italiano non deluderà, né l’editoria, purtroppo non esaustivamente rappresentata. Il caleidoscopico paesaggio editoriale italiano è ancora lungi dall’essere ben rappresentato, soprattutto per quanto concerne la media e piccola editoria.

Oltre all’illustrazione, sarà presente la fotografia con qualche esposizione che trasporterà i fruitori delle opere in un Italia dove le immagini degli umani  si fondono con una natura lussureggiante, spesso a dispetto di una realtà economica in crisi. Non mancheranno le guerre, i ritratti di visi innocenti immersi in un contesto sociale deprivato. Immagini celebri si alterneranno a proposte inedite ed originali.

Molti i nomi noti al grande pubblico, che si tratti di letteratura, cinema, fotografia… Indulgere sui beniamini dei lettori sembrerebbe però superfluo, laddove volti, penne, immagini nuove potrebbero sorprendere il pubblico con la potenza delle loro opere. Che si tratti di romanzi di genere, d’amore o di noirs, il denominatore comune rimane un linguaggio comune fra Italia e Francia, a riprova dei profondi legami culturali che uniscono i due Paesi.

Interessante anche la presenza dei traduttori a fianco di certi autori, presenza che testimonia  un fertile dialogo fra la cultura italiana e quella del Paese ospite.

Fra gli autori presenti nel programma, abbiamo incontrato lo scrittore Andrea Donaera la scoperta delle cui opere ha rappresentato un reale piacere. Di lui avevamo letto la citazione di un altro autore pugliese, Omar Di Monopoli, che descriveva la sua scrittura come ‘’il battito più intimo di un Sud ancestrale, senza tempo, terribile e sublime’’e la cosa non poteva che intrigarci. Ad accompagnare l’autore, il suo agente letterario milanese, Piergiorgio Nicolazzini della PNLA.

 

Ma, innanzitutto, chi è Andrea Donaera ?

Capelli lunghissimi raccolti in una coda, gesti calmi e sicuri, sorriso rassicurante : due occhi grandi e profondi ci fissano bonariamente.

« A questa domanda dovrebbero rispondere gli altri…Sono salentino, nato a Maglie nel 1989 ma cresciuto a Gallipoli. Ho studiato Scienze della Comunicazione e mi sono occupato di poesia contemporanea e di nuove forme di scrittura. Ho vissuto in Emilia-Romagna per cinque anni, dove ho studiato e lavorato. Poi, ho fatto ritorno nel Salento.»

Cosa lo ha spinto a rientrare nella sua terra ?

« A riportarmi nel Salento è stato un bando di concorso  europeo rivolto ai pugliesi innovativi under 35, che intendessero presentare progetti di imprese volte al miglioramento del territorio. Il mio progetto è piaciuto e la vincita del concorso mi ha fatto rientrare per metterlo in atto. Nel 2019 è stato pubblicato il mio primo romanzo intitolato ‘’Io sono la bestia’’, edito da NN Editore, che conduce il lettore nel cuore della Sacra Corona Unita, organizzazione mafiosa delle Puglie. Nel 2021, con la stessa casa editrice, ha visto la luce il mio secondo romanzo ‘’Lei che non tocca mai terra’’. Quest’anno, invece, sarà pubblicata una raccolta di poesie. La poesia, infatti, è una forma espressiva che amo sin da ragazzo e che mi accompagna al quotidiano. »

Ha parlato del suo progetto per migliorare il territorio. Suppongo abbia a che fare con la sua passione per la scrittura ?

« Il progetto riguarda l’apertura di uno spazio culturale, una libreria e bottega in cui stare insieme e dove si possono trovare libri di case editrici indipendenti, con particolare attenzione agli editori  pugliesi. Pensiamo di curare temi a noi particolarmente cari, come l’ambiente e la valorizzazione delle periferie. Il posto è nato, in pieno centro di Gallipoli, e si chiama Macarìa. »

Molto bene : speriamo un giorno di potervi venire a trovare per respirare tali atmosfere conviviali e magiche, ma torniamo a Parigi. Ha appena terminato di presentare il suo romanzo ‘’Elle, qui ne touche jamais terre’’ dinanzi a uno spazio gremito, silenzioso e partecipativo, sullo sfondo della ‘’Dame de fer’’ che troneggia sugli Champs de Mars. Cosa ha visto, sentito e provato, arrivando a Parigi, ospite del Festival du Livre de Paris ?

« Sembrerebbe strano a dirsi ma, a volte, occorre andare all’estero per realizzare di far parte di un mondo letterario, più di quanto accada rimanendo in Italia stessa. Venire a Parigi rappresenta per me un patto simbolico ed emotivo di grande impatto, nel senso positivo del termine. Non sono emozionato ma felice. Oltretutto, amo Parigi, città già visitata l’anno scorso nell’occasione della presentazione del mio libro tradotto in francese da Lise Caillat ed edito dalla casa editrice parigina Cambourakis. Qui a Parigi, fra l’altro, ho potuto conoscere degli scrittori italiani con cui avevo intessuto rapporti virtuali, ed è stato bello. Molto piacevole anche il mio incontro con la direttrice editoriale della mia casa editrice francese, Laurence Bourgeon. Apprezzo molto l’editoria francese e il sano rapporto intrattenuto con i librai indipendenti.

‘’Elle, qui ne touche jamais terre’’ è il titolo poetico del suo ultimo romanzo pubblicato in Francia due mesi fa, cosa vorrebbe dirci a tal proposito ?

« ‘’Lei che non tocca mai terra’’ è stato pubblicato in Italia nel 2021 e in Francia circa due mesi fa. Mi piace poterlo definire un romanzo d’amore tragico, gotico, che mescola una storia sentimentale complessa al folclore e alle tradizioni del Sud d’Italia. Nel romanzo si respira la stessa atmosfera del primo e anche questa storia contiene più voci anche se, volendo, una protagonista c’è e si chiama Miriam. C’è anche un personaggio che si chiama Andrea Donaera che ho inserito, su suggerimento di un amico musicista, per fuoriuscire da un blocco in cui mi stavo arenando. In realtà, mi sono divertito a creare il mio omonimo, anche se di divertimento vero e proprio non si può parlare per una storia tragica come quella che narro. »

Lo immagino, quindi ha finto che il personaggio fosse lei, pur sapendo che non poteva mai esserlo. Per concludere questa stimolante conversazione, cosa pensa riesca a legare uno scrittore pugliese a una lettrice o a un lettore francese ?

« Ritengo che la questione territoriale non abbia il peso e il potere che le diamo. A me non interessa sapere chi scriva, o meglio, da dove venga lo scrittore, ma piuttosto cosa scriva e come riesca a rendere universale un luogo. Le faccio qualche esempio. Ho amato un romanzo di Remo Rapino ambientato a Lanciano, in Abruzzo, perché mi sono immedesimato nella storia che è quindi diventata universale. Amerei, quindi, che un lettore francese amasse un mio romanzo come quando io leggo Simenon che ambientava la sua storia in un paesino a me sconosciuto. Non lo dico perché mi senta un Simenon ma solo per dire che il luogo di ambientazione dovrebbe diventare un vero e proprio elemento della scrittura capace di accattivare il lettore. Nel mio nuovo romanzo, ambientato a Lecce, città non lambita dal mare, metto, ad esempio una spiaggia. »

Andrea Donaera, ha progetti letterari futuri di cui poterci parlare ? 

« Nel principio del 2024 la casa editrice Bompiani pubblicherà un mio nuovo romanzo il cui titolo è ancora da definire ma il cui mondo narrativo, le atmosfere e i personaggi, saranno in perfetta prosecuzione con quelli dei miei precedenti romanzi. Naturalmente, ogni libro può essere letto singolarmente essendo indipendente. Intimista, forse persino più degli altri, i protagonisti saranno un uomo e una donna. »

Nel ringraziarla per averci concesso il tempo per quest’amabile chiacchierata, le auguriamo la piena realizzazione dei suoi progetti : un tentativo di far luce eliminando le zone oscure.

Quanto al Festival du Livre de Paris, concludiamo sperando in una crescente partecipazione della cultura italiana in Francia con figure sempre nuove e diverse che potrebbero stupire il pubblico apportando linfa nuova in un panorama culturale in eterno movimento.

 Paris, 22 aprile 2023

 Adriana Valenti Sabouret 

per @europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it