instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politicaEurope profoundly shocked by shooting of Robert FicoSpring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion amid high geopolitical risksVentotene: l'isola che diventò continente. Chiara Bini dialoga con Francesca MercantiHappy Europe Day 2024A May of meetings and book presentations in Florence with EuropoliticheUn maggio di incontri a Firenze con EuropoliticheChinese President Xi Jimping completed a two-day state visit to ParisThousands of Georgians have taken to the streets of Tibilisi and are waving EU flags against the governmentSpain, Sanchez : “I have decided to go on, if possible even stronger as prime minister"French President Macron's speech on the EUNew EU fiscal rules approved by MEPsLetta presents the report on the future of the Single Market. The EU awaits Draghi's report in JuneParliament adopts reform of the EU electricity market
europolitiche

UK PM Sunak calls surprise July election

25-05-2024 16:55

Europolitiche

Europolitiche, Keir Starmer, LaBOUR pARTY, Sunak, tory, blair, gordon brown, downing strett , uk pm, elections , great Britain , United Kingdom,

UK PM Sunak calls surprise July election

La decisione del Primo Ministro Sunak di convocazione le elezioni ha destato grande sorpresa. per il 4 luglio ini vantaggio i laburisti di Keir Starmer

EN - British Prime Minister Rishi Sunak calls surprise July election.  unak gave the speech at 10 Downing Street on 22 May. The Labour Party, led by Keir Starmer, has been ahead in the polls for some time.

IT - Il premier britannico Sunak ha annunciato a sorpresa la convocazione del voto per il 4 luglio. Sunak lo ha detto il 22 maggio al numero 10 di Downing Street. Nei sondaggi il Labour Party, guidato da Keir Starmer, è da tempo in vantaggio. 

Nonostante la Gran Bretagna non sia da tempo un Paese membro dell'Unione europea, l'attenzione dell’opinione pubblica europea e dei media globali sulla sua vita politica ed istituzionale resta sempre molto alta. In questo quadro, la decisione del Primo Ministro Sunak di rompere gli indugi riguardo la convocazione delle elezioni politiche ha sicuramente destato grande sorpresa. 

Eletto alla Camera dei comuni nel 2015 nel collegio di Richmond (Yorks), e Cancelliere dello Scacchiere nel secondo governo Johnson dal 13 febbraio 2020 al 5 luglio 2022, Rishi Sunak è Primo ministro del Regno Unito dal 25 ottobre 2022.

 

I Tories partono sfavoriti

Secondo tutti i sondaggi, i laburisti sono in netto vantaggio per la tornata elettorale del 4 luglio. Si tratta di un ritorno alla guida della Gran Bretagna che i laburisti attendono da quasi 14 anni e cioè da quando, l'11 maggio 2010, Gordon Brown chiuse la sua esperienza di Primo Ministro lasciando il posto al conservatore David Cameron. Sui tre lustri di guida conservatrice sarà la storia a dare un giudizio più distaccato. Certo è che i toni di rammarico ispirano i media conservatori britannici nel tracciare il bilancio degli ultimi cinque governi guidati dai Tories. Molteplici sono le analisi impietose degli esiti della controrivoluzione conservatrice promessa dai conservatori in opposizione al lascito del decennale gabinetto Blair, insediatosi nel 1997, e ai tre anni del suo successore, nonchè ex Cancelliere dello Scacchiere, Gordon Brown uscito di scena nella tarda primavera del 2010.   

Eppure, forte del suo profilo personale e professionale, Sunak ha incarnato in questi anni, una speranza di rilancio Tory, progressivamente sbiaditasi alla luce delle difficoltà che il Regno Unito ha dovuto affrontare nel corso dei suoi ventotto mesi a Downing Street. Gli alterni scenari ereditati dal Covid e i riverberi della guerra in Ucraina, non hanno certo agevolato l'arduo compito di cui Sunak si era fatto carico succedendo alla meteora Liz Truss. Guidando il quinto governo conservatore del ventunesimo secolo, Sunak non è riuscito a rivitalizzare, come sperava, il consenso intorno al progetto di rilancio britannico che pure dalla sua precedente esperienza al Tesoro aveva cercato di preparare. Apparso una figura ascrivibile ad un tecnocraticismo liberista fuori tempo e di precaria credibilità nel ruolo di leader dalla postura assertiva, Sunak non e riuscito a ricompattare il suo partito uscito dilaniato dalla fine dell'era Johnson, leader di parito e governo dal 2019 al 2022, ma forte di una sindacatura di Londra e di ministro con i due governi di Teresa May. Ingloriosamente alle prese con un infamante partygate, Boris Johnson ha depauperato in pochi anni un grande patrimonio di consenso con il quale aveva stravinto le elezioni nel 2019 contro il laburista radicale Corbyn e guidato nel gennaio 2020 la realizzazione della Brexit, seguita da un accordo commerciale con l'Unione europea alla fine dello stesso anno.

 

Il probabile successore a Downing Street

Keir Starmer, classe 1962, è ascrivibile ad una visione del laburismo derivato dal pensiero della "soft left" britannica. Avvocato dal piglio pragmatico, ritiene necessaria l'abolizione della Camera dei Lord e la sostituzione con una camera alta elettiva. Sostiene la  proprietà sociale e gli investimenti nei servizi pubblici, compreso il Servizio Sanitario Nazionale, nonché l'abolizione delle tasse universitarie. Ha chiesto un aumento delle imposte sul reddito per il 5% superiore dei redditi e la lotta all'elusione fiscale da parte delle società, alle quali vuole riallineare al rialzo le imposte dopo la stagione dei tagli perpetrati in  quattordici anni di Cancellieri dello Scacchiere conservatori. Può sorprendere ma Starmer ha anche sostenuto le proposte anti-austerità dei Labour sotto la guida di  Jeremy Corbyn. Lo ritroviamo più liberal nel suo approccio alle disugugalinze sociali per mitigare le quali propone da sempre "indicatori nazionali di benessere" in grado di misurare le prestazioni del Regno Unito in termini di salute, disuguaglianza, senzatetto e ambiente.

Non incline a concedere eccessivi vantaggi alle potenti lobbies delle armi britanniche, Starmer ha chiesto ai governi conservatori la fine delle "guerre illegali" e una revisione delle vendite di armi. Come da tradizione guida un governo ombra con due figure politiche femminili, Anneliese Dodds fino al 2021 e da allora Rachel Reeves. succedutisi nel ruolo di responsabili del dicastero all'economia. 

 

Antonio de Chiara @europolitiche,it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it