instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Plenaria e Consiglio animano la settimana politica europea

11-12-2023 22:30

Europolitiche

Europolitiche, Macro/Scenari, unione europea, europolitiche, europolitiche.it, parlamento europeo, consiglio europeo, Bruxelles, plenaria a strasburgo, redazione di europolitiche , dicembre 2023, Starsburgo,

Plenaria e Consiglio animano la settimana politica europea

Dall'11 al 14 dicembre si tiene a Strasburgo la Plenaria del Parlamento Ue. Giovedi 14 e venerdi 15 a Bruxelles si riuniscono in Consiglio i leader nazionali

Si apre una settimana politica dell'Unione europea connotata da due appuntamenti importanti tra Strasburgo e Bruxelles.  Da lunedi 11 a giovedi 14 dicembre nella città alsaziana si tiene la Plenaria del Parlamento europeo. Giovedi 14 e venerdi 15 dicembre a Bruxelles si riuniscono in Consiglio i Capi di Stato e di Governo. 

In Parlamento i temi in agenda riguardano le materie prime essenziali, l'allargamento, la situazione a Gaza, lo spazio europeo per i dati sulla salute. 

Simmetricamente ai lavori parlamentari sono l'allargamento e la situazione a Gaza a tenere banco al Consiglio tra i leader nazionali.  L'Ucraina è ad uno snodo di destino sia sotto il profilo militare nella risposta all'aggressore russo - si discuterà a Bruxelles su come aiutare Kiev con altri 50 miliardi di aiuti - e sia riguardo alla sua collocazione futura nell'Unione europea in base alla disponibilità degli Stati membri ad aprire o meno un processo di adesione.

Su Gaza resta saldo nell'Unione il misconoscimento del ruolo di attore politico ad Hamas. Ne consegue che sia i leader nazionali europei che le istituzioni di Bruxelles privilegino da decenni un dialogo con Israele come Paese politicamente omologo in termini di sistema, sicuramente riconosciuto come democratico in una regione che non sempre garantisce, negli Stati che la compongono, governi contendibili e vita politica all'insegna del pluralismo. In uno scenario più ampio, l'opinione pubblica europea è sicuramente scossa dalle migliaia di morti tra i contendenti. E appare evidente che il ruolo dei vertici dell'Unione europea nella crisi è apparsa, per quanto perentoria nella postura, marginale sia sotto il profilo dell'influenza sui vertici israeliani e, peggio  palestinesi che della solidarietà concreta alle popolazioni coinvolte, comunque garantita da aiuti umanitari di tutto rispetto.

 

redazione@europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it