instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
European reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaThe tenth meeting of the European Committee of the RegionsVoices: the European festival of journalism and media literacyEuropean Parliament: yes to the Media Freedom Act, the law that protects the media from political interferenceEurope and its political families. Conversation with Benedetto LigorioEurogroup: Gentiloni, a challenge to be overcome within the timeframe set by the new Stability PactEPP: Von der Leyen candidate for a second term as President of the EU CommissionNew forms of European citizens' participation launched in RomeNotes on the New European Time. Salvatore Veca's lesson for good politicsEPP: Congress starts. Weber: Defending the EU against nationalism and extremistsPES: Nicolas Schmit candidate for the Presidency of the EU Commission from the Rome CongressTwo years without David. Florence's homage to Sassoli's new Europeanist humanismThe review of "Europe in the vortex. From 1950 to today" by Jan KershawThe Conference on Ukraine in ParisLagarde: EU Parliament leads action to strengthen eurozoneDraghi at Ecofin: "the EU is not keeping pace, we must invest enormous public and private sums "Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancio
europolitiche

Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di Montreal

20-12-2022 15:22

Europolitiche

Europolitiche, europolitiche , cop15 , canada, biodiversità,

Cop 15: la delegazione europea soddisfatta degli accordi di Montreal

La delegazione del Parlamento europeo è tornata con grandi soddisfazioni per l'accordo raggiunto.

Dai lavori intercorsi tra il 7 ed il 19 dicembre a Montreal della COP15, la Convenzione Onu sulla diversità biologica, la delegazione del Parlamento europeo è tornata con grandi soddisfazioni per l'accordo raggiunto.

L'importante accordo definisce un quadro globale per la biodiversità post-2020, inserendo obiettivi ambiziosi come il “30 by 30”, che prevede la protezione di almeno il 30% delle terre e dei mari entro il 2030.

Il capodelegazione europeo César luena, ha sintetizato i risultati con una dichiarazione e margine dei lavori: "Siamo estremamente soddisfatti di avere ottenuto un nuovo Quadro Globale per la Biodiversità post-2020 per proteggere la biodiversità, dopo i ritardi dovuti alla Covid-19. L'accordo non è forse così ambizioso come avremmo voluto inizialmente, ma è un passo avanti fondamentale negli sforzi globali per arrestare e invertire la perdita di biodiversità.

Siamo inoltre particolarmente lieti che l'accordo contenga l'obiettivo cruciale della protezione 30 by 30 e l'istituzione di un obiettivo globale di recupero che richiederà il ripristino di almeno il 30% degli ecosistemi degradati entro il 2030. L'Unione europea sta già lavorando a uno strumento per mettere in pratica questo importante obiettivo attraverso il regolamento sul ripristino della natura, che sto negoziando per il Parlamento." .

Il membro della delegazione S&D João Albuquerque, ha, a sua volta, dichiarato: "Questo è un giorno molto importante per la biodiversità. La biodiversità è in crisi, con un milione di specie vegetali e animali a rischio di estinzione. Ciò può avere gravi conseguenze, non solo per la natura in sé, ma anche per le nostre società, visti i molteplici servizi ecosistemici da cui dipendiamo.

Ora che abbiamo un accordo, ciò che conta è l'attuazione. È essenziale che vi sia un finanziamento sufficiente per la biodiversità da tutte le fonti. La riforma dei sussidi dannosi per la biodiversità dovrebbe essere una priorità.  Abbiamo anche bisogno di solidi meccanismi di monitoraggio e revisione per assicurarci che i progressi vengano compiuti e che gli obiettivi e i traguardi stabiliti vengano raggiunti. I precedenti obiettivi globali sulla biodiversità, i cosiddetti obiettivi di Aichi, non sono stati raggiunti. È fondamentale che questa volta facciamo le cose per bene. "

 

desk@europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it