instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Francia-Italia: la ricerca di convergenze nella visita all'Eliseo della premier italiana

21-06-2023 15:11

Europolitiche

Europolitiche, emmanuel macron, Macro, Eliseo, francia e italia, dialogo franco-italiano, 20 giugno Parigi, Giorgia Meloni, renew europe, ECR, conservatori europei,

Francia-Italia: la ricerca di convergenze nella visita all'Eliseo della premier italiana

il 20 giugno la prima vista della premier italiana a Parigi. Un'ora e quaranta di colloqui tra Macron e Meloni

Sulla scia della esemplare lezione di diplomazia offerta dalla recente visita del Presidente Mattarella in Francia, il primo bilaterale franco-italiano della Presidente del Consiglio italiano a Parigi si è tenuto, martedi 20 giugno, in un clima di cordiale dialogo con il Presidente Macron.

L'incontro è stato preparato da giorni dai rispettivi staff diplomatici, ricadendo in una fase molto delicata degli equilibri intraeuropei che ha suggerito ai due leader di accantonare, almeno formalmente, le recenti polemiche tra i due governi. Gli attriti hanno riguardato le rispettive politiche di accoglienza dei migranti nei due Paesi, tanto che a metà maggio alcuni ministri di primo piano di Parigi e Roma si sono affrontati sui media con toni molto duri, accusandosi a vicenda di inadeguatezza nella gestione dei flussi di clandestini sugli improbabili barconi provenienti dalle coste del Nord Africa.

Non sono state secondarie le ragioni che conducono alle prossime europee del 2024. Come noto, i macroniani francesi di Renaissance, schierati con Renew a Strasburgo, si richiamano a valori di euroentusiasmo da sempre e stanno preparando una campagna elettorale che si oppone alle destre sovraniste, tra le quali si colloca il partito che in Italia fa capo a Giorgia Meloni. In questo quadro, possono essere rilette le polemiche da Parigi con il governo di Roma, con una Premier di destra alla guida dei conservatori europei (ECR). Meloni nei suoi recenti tour europei è apparsa alla ricerca di nuovi assetti che, in vista del nuovo Parlamento europeo, potrebbero relegare all'opposizione a Strasburgo anche gli eurodeputati eventualmente espressi da Renaissance nel 2024. 

Ben altri, i toni registrati il 20 giugno all'Eliseo. Il dialogo de visu tra Macron e Meloni a Parigi ha sicuramente giovato. Nè è scaturito una dichiarazione congiunta diffusa a margine del bilaterale che ha recato nel testo parole significative e riconcilianti: "Italia e Francia sono due nazioni legate, due nazioni importanti, centrali e protagoniste in Europa. Due nazioni che in un momento come questo hanno bisogno di dialogare perché molto convergenti sono gli interessi comuni". 

Una convergenza possibile tra Francia e Italia riguarda sicuramente la sfida della nuova governance economica Ue. I due Paesi fondatori sono de facto accomunati dal sostegno alla proposta presentata dalla Commissione europea nei giorni scorsi sia all'Eurogruppo che all'Ecofin. Parigi e Roma vorrebbero che il ripristino del Patto di Stabilità e Crescita da gennaio 2024 sia meno pressante sui piani annuali di rientro che li riguardano opponendosi alla Germania che chiede invece di non stravolgere il vecchio impianto del Patto pre-pandemia. Berlino pretende ancora la riduzione dei deficit con paletti numerici prestabiliti e uguali per tutti, automatici appunto, incasellando in schemi rigidi i Paesi più indebitati, preoccupati di poter reggerne i vincoli.  In più l'Italia insiste sulla richiesta di una 'golden rule', un'eccezione all'attesa regola sulla traiettoria di spesa, chiedendo "considerazione" o un "trattamento particolare" per gli investimenti ritenuti prioritari nell'Ue, "in particolare quelli relativi alla transizione ambientale, energetica e digitale".

Sullo scottante dossier migratorio, prioritario per l'attuale governo in carica a Roma, il Presidente francese Macron ha aperto alla ricerca di soluzioni piu idonee già a partire dal prossimo Consiglio europeo di fine giugno.

 

desk@europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it