instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Le sfide europee nel discorso di Von der Leyen sullo Stato dell'Unione

13-09-2023 13:28

Europolitiche

Europolitiche, unione europea, Commissione europea, Von der Leyen, soteu2023, 13 settembre 2023, A Strasburgo la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen ha tenuto il tradizionale Stadiscorso sullo stato dell’Unione Europea,

Le sfide europee nel discorso di Von der Leyen sullo Stato dell'Unione

A Strasburgo la presidente della Commissione ha tenuto il tradizionale State of the Union address (SOTEU)

A Strasburgo la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen ha tenuto mercoledi 13 settembre il tradizionale State of the Union address (SOTEU), il discorso sullo stato dell’Unione Europea, di fronte all’emiciclo del Parlamento europeo riunito al gran completo. Una relazione ricca di riferimenti, con la quale la presidente ha rivendicato la qualità e l'efficacia del lavoro svolto e la necessità di affrontare con nuovo slancio le sfide che attendono l'Unione.

 

La competitività del sistema produttivo dell’Unione : “La nostra industria e le aziende tecnologiche amano la concorrenza. Sanno che la concorrenza globale fa bene alle imprese e che crea e protegge buoni posti di lavoro qui in Europa. Ma la concorrenza è vera solo se è equa. Troppo spesso le nostre aziende sono escluse dai mercati esteri o sono vittime di pratiche predatorie, e spesso sono sottoquotate da concorrenti che beneficiano di enormi sussidi statali. Non abbiamo dimenticato come le pratiche commerciali sleali della Cina abbiano colpito la nostra industria solare. Prendiamo il settore dei veicoli elettrici. è un settore cruciale per l’economia pulita, con un enorme potenziale per l’Europa. Ma i mercati globali sono ora invasi da auto elettriche cinesi più economiche, e il loro prezzo è tenuto artificialmente basso da enormi sussidi statali. Questo distorce il nostro mercato”, ha dichiarato Von der Leyen. Sono tre le sfide – lavoro, inflazione e contesto imprenditoriale – che si devono affrontare in una fase in cui la Commissione chiede anche all’industria di guidare la transizione pulita. “Dobbiamo quindi guardare più avanti e definire come rimanere competitivi mentre lo facciamo. Per questo motivo ho chiesto a Mario Draghi di preparare un rapporto sull’argomento il futuro della competitività europea. Perché l’Europa farà “what ever it takes” per mantenere il suo vantaggio competitivo”.

La sfida delle materie prime: “Non abbiamo dimenticato come Putin abbia usato deliberatamente il gas come arma” e “in noi ha creato la paura di una crisi energetica, ma ce l’abbiamo fatta perché siamo rimasti uniti e abbiamo approfittato della crisi per investire massicciamente nelle energie rinnovabili”, così la presidente Von Der Leyen 

Coerenti al fianco dell’Ucraina: Von Der Leyen ha richiamato nel discorso la coerenza della posizione dell’Unione Europea al fianco dell’Ucraina. “Saremo al fianco dell’Ucraina in ogni momento, per tutto il tempo necessario”, ha dichiarato ed ha inoltre annunciato ”che la Commissione proporrà di estendere la nostra protezione temporanea agli ucraini nell’UE”. Significativi i toni in conclusione del capitolo ucraino: “Questa è l’Europa che ha risposto all’appello della storia. Questo Parlamento lo ha detto ad alta voce: il futuro dell’Ucraina è nella nostra Unione. Il futuro dei Balcani occidentali è nella nostra Unione. Il futuro della Moldavia è nella nostra Unione. E so quanto sia importante la prospettiva dell’UE per tante persone in Georgia.”

La questione migratoria e il patto necessario: “Ogni giorno vediamo che i conflitti, i cambiamenti climatici e l’instabilità spingono le persone a cercare rifugio altrove.  Sono sempre stato convinta che la migrazione debba essere gestita. Occorre resistenza e un lavoro paziente con i partner principali. E ha bisogno di unità all’interno della nostra Unione. Questo è lo spirito del Nuovo Patto sulla Migrazione e l’Asilo. Quando siamo entrati in carica, sembrava che non ci fosse alcun compromesso possibile in vista. Ma con il Patto stiamo raggiungendo un nuovo equilibrio. Tra protezione dei confini e protezione delle persone. Tra sovranità e solidarietà. Tra sicurezza e umanità”, così Ursula von Der Leyen. Ed ancora: “Abbiamo bisogno di una nuova legislazione e di una nuova struttura di governance. Abbiamo bisogno di un’applicazione della legge più forte, di azioni penali e di un ruolo più importante per le nostre agenzie – Europol, Eurojust e Frontex. E dobbiamo lavorare con i nostri partner per affrontare questa piaga globale della tratta di esseri umani. Per questo motivo la Commissione organizzerà una conferenza internazionale sulla lotta al traffico di esseri umani. È ora di porre fine a questo business insensibile e criminale!”.

Una Europa ancora più democratica: Von Der Leyen ha sottolineato l’importanza della tutela dei diritti democratici: “Un’Unione completa con oltre 500 milioni di persone che vivono in un’Unione libera, democratica e prospera. Un’Unione completa di giovani che possono vivere, studiare e lavorare in libertà. Un’Unione completa di democrazie vivaci in cui le magistrature sono indipendenti, le opposizioni sono rispettate e i giornalisti sono protetti. Perché lo Stato di diritto e i diritti fondamentali saranno sempre il fondamento della nostra Unione, negli Stati membri attuali e in quelli futuri.”

L’allargamento UE e la modifica dei Trattati: è necessario un nuovo allargamento europeo, con più di 27 stati rispetto agli attuali, ha sottolineato Von Der Leyen, “Non possiamo – e non dobbiamo – aspettare i cambiamenti dei Trattati per procedere con l’allargamento. L’adattamento dell’Unione all’allargamento può essere ottenuto più rapidamente. Ciò significa rispondere a domande pratiche sul funzionamento concreto di un’Unione di oltre 30 Paesi. E in particolare sulla nostra capacità di agire.”

Le conclusioni: “I cittadini europei vogliono un’Unione che li difenda in un periodo di competizione tra grandi potenze. Ma anche un’Unione che li protegga e sia loro vicina, come partner e alleato nelle loro battaglie quotidiane. E noi ascolteremo la loro voce. Se è importante per gli europei, è importante per l’Europa. Ripensate alla visione e all’immaginazione della giovane generazione con cui ho iniziato il mio discorso. È il momento di dimostrare loro che possiamo costruire un continente in cui si può essere chi si è, amare chi si vuole e puntare in alto. Un continente riconciliato con la natura e all’avanguardia nelle nuove tecnologie. Un continente unito nella libertà e nella pace. Ancora una volta, questo è il momento per l’Europa di rispondere alla chiamata della storia. Viva l’Europa.”

 

Desk@europolitiche.it

 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it