instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Germania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati Houthi

22-01-2024 13:48

Europolitiche

Europolitiche, italia, germania, Francia, navi mercantili, houthi, ministri degli esteri, pirati , yemen,

Germania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati Houthi

A protezione delle navi mercantili in transito attaccate dai miliziani sciiti Houthi dello Yemen

Germania, Francia e Italia hanno presentato al Consiglio Affari Esteri del 22 gennaio un documento che orienta l'Ue garantire la sicurezza nel Mar Rosso, contribuendo a respingere de facto gli attacchi indiscriminati degli Houthi dello Yemen che attaccano quasi quotidianamente navi, non ultime quelle europee o dirette ai porti Ue, del tutto estranee al Mar Rosso, colpendo così una delle arterie centrali della libera navigazione e quindi anche del commercio mondiale. Armati dall'Iran, i miliziani Houthi sostengono di essere discriminati in Yemen dal governo e di dover difendere i diritti degli sciiti nella regione a nord , particolarmente povera, attirando l'attenzione sulla loro causa financo con clamorosi attacchi di pirateria.

I tre governi hanno indicato l'opportunità di utilizzare le capacità già esistenti della missione Emasoh/Agenor, nello stretto di Hormuz e hanno invitato l'Alto Rappresentante a portare avanti il varo della nuova missione militare Aspides, che sarà incaricata di difendere (anche con l’uso della forza), le navi mercantili nel Mar Rosso, come segno tangibile di sostegno all'obiettivo politico comune di proteggere la libertà di navigazione e di sostenere il diritto internazionale. L'obiettivo è arrivare ad approvare la missione per il Consiglio del 19 febbraio.

In una dichiarazione la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock ha riferito che l'Ue prova ad agire accreditandosi come partner affidabile per il diritto internazionale e ha insistito sulla necessità che l'Ue "lanci congiuntamente un'operazione per il Mar Rosso".

L'Ue si avvia così a lanciare una delle più importanti operazioni militari congiunte della sua storia.

 

staff @europolitiche.it

 

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it