instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
European reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politicaEU approves major overhaul of migration rulesEU agreed to allocate Six Billion Euros for Countries of the Western BalkansCome ri-generare l'Europa. L'incontro a Roma promosso da NextLa NATO compie 75 anniBulgaria e Romania entrano a far parte dello spazio SchengenUna laurea europea, la proposta della Commissione UeCoesione europea, sviluppo territoriale, intelligenza della comunità locali. Intervista ad Osvaldo CammarotaElezioni europee: Renew ha lanciato la sua campagnaCommissione UE: "Bene la risoluzione su Gaza, si attui urgentemente"Attentato a Mosca, condanna dell'UE e solidarietà alla Russia. Da Bruxelles: l'Ucraina è estranea ai fattiAl Consiglio europeo di marzo Von der Leyen propone un centro di spesa comune per l'UcrainaThe tenth meeting of the European Committee of the RegionsVoices: the European festival of journalism and media literacyEuropean Parliament: yes to the Media Freedom Act, the law that protects the media from political interferenceEurope and its political families. Conversation with Benedetto LigorioEurogroup: Gentiloni, a challenge to be overcome within the timeframe set by the new Stability PactEPP: Von der Leyen candidate for a second term as President of the EU CommissionNew forms of European citizens' participation launched in RomeNotes on the New European Time. Salvatore Veca's lesson for good politicsEPP: Congress starts. Weber: Defending the EU against nationalism and extremistsPES: Nicolas Schmit candidate for the Presidency of the EU Commission from the Rome CongressTwo years without David. Florence's homage to Sassoli's new Europeanist humanismThe review of "Europe in the vortex. From 1950 to today" by Jan KershawThe Conference on Ukraine in ParisLagarde: EU Parliament leads action to strengthen eurozoneDraghi at Ecofin: "the EU is not keeping pace, we must invest enormous public and private sums "Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancio
europolitiche

Ripartire dalle città. Pnrr e risorse europee per costruire. nuove infrastrutture sociali e di mobilità

12-09-2022 12:59

Europolitiche

Europolitiche, Cultura politica, Alessandro Mauriello, gaetano sateriale, pnrr, città europee, fabrizio ricci, piano di resilienza, risorse europee, ripartire dalle città, sviluppo urbano,

Ripartire dalle città. Pnrr e risorse europee per costruire. nuove infrastrutture sociali e di mobilità

di Alessandro Mauriello - Spunti e scenari dalla attenta lettura da un recente libro di Gaetano Sateriale e Fabrizio Ricci

Un recente testo di Gaetano Sateriale e Fabrizio Ricci, Ripartire dalle Città, Futura edizioni, rimette al centro del dibattito delle idee la relazione tra modelli urbani e modelli organizzativo sociali, con le sue molteplici e multidimensionali questioni inerenti lo sviluppo sostenibile, la
contrattazione territoriale, la gestione della complessità urbana in termini di economia circolare, di rigenerazione urbana, di consumo di suolo.
La città diviene per la maggior parte degli studiosi di sviluppo economico, il laboratorio di innovazione sociale ove si giocherà l’immensa partita del nuovo modello di sviluppo della modernità post pandemia, come ben sottolinea il presidente dell'associazione Nuove Ri-generazioni Gaetano Sateriale:
“Le città sono le relazioni che si creano tra le persone e danno vita alle comunità. Sono le tante occupazioni e le varie condizioni di lavoro dei loro abitanti. L sedi degli organi di governo locale, delle istituzioni statali, delle attività di culto. Le città sono il luogo in cui si esplica il contratto tra il cittadino e lo Stato.”
Nel nuovo modello di sviluppo sono connessi, vari temi che comporranno lanuova agenda urbana pe i policy maker:
• Le nuove geografie del lavoro
• Le disuguaglianze
• I divari di cittadinanza
• La società della conoscenza
• Inclusione sociale
• Digitalizzazione
Visti i fattori che contraddistinguono la centralità della dimensione dei luoghi (P. Venturi, F. Zandonai) nelle policies da attuare, abbiamo da considerare la grande occasione di progettare il Pnrr, elaborando non solo nuove infrastrutture sociali e di mobilità.
Ma ridefinire un nuovo approccio e un nuovo metodo di governo urbano che parta da Agenda 2030, dai suoi obiettivi di sviluppo sostenibile e di rigenerazione sociale, cooperando e coordinando i vari attori del territorio; guardiamo per esempio al Patto per il Lavoro e il clima stilato dalla Regione Emilia Romagna.

Caso di studio importante, modello progettuale e paradgmatico, per le aree interne del nostro sistema paese, e per gli altri territori in forte ritardo in termini di “ricomposizione tra economia e società”(P. Venturi, F. Zandoani), edi forme di capitale sociale, che fanno coesione sociale ed economica.
Un approccio sistemico e integrato, che divenga cultura della programmazione di intervento, utilizzando i principi della prossimità e della relazione(G. Sateriale) che si comporrà, secondo lo schema del saggio citato:
• Mappatura dei bisogni per la creazione di un Welfare dei territori e delle
persone
• Costruzione delle reti sociali attive
• Istruire una concertazione multi livello
• Ridisegnare spazi
• Dotazione di una strumentazione forte di rigenerazione urbana
• Ridisegnare la mobilità sostenibile, la sanità di territorio, la gestione dei rifiuti.
Altri protagonisti che dovranno a nostro avviso, divenire fulcro di questa
trasformazione sarà la cittadinanza attiva , il terzo settore, i corpi intermedi che con la loro voglia di comunità possono influenzare fortemente le piattaforme sociali, creando inclusione e costruendo democrazia attiva e cittadinanza, come afferma Stefano Micelli nella sua introduzione al libro Dove di Paolo Venturi e Flaviano Zandonai:
Oltre ai protagonisti del terzo settore, contribuiscono alla rigenerazione dei luoghi una moltitudine di esperienze, dall’impresa protagonista dell’innovazione sociale alle imprese culturali, dai coworking al nuovo artigianato tecnologico.
Tutti questi soggetti alimentano una nuova idea di economia e una nuova idea di spazio. Contribuiscono a promuovere "reti di scambi e significati, rinnovano il senso di esperienze che hanno un conto economico solido ma anche il merito, allo stesso tempo, di favorire l’inclusione sociale e la costruzione di senso condiviso”

 

Alessandro Mauriello @europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it