instagram
twitter

Iscriviti ora alla

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
La Conferenza sull'Ucraina a ParigiLagarde: Parlamento UE guidi l'azione per rafforzare l'eurozonaDraghi all'Ecofin: "la Ue non sta al passo, dobbiamo investire a breve somme enormi pubbliche e private"Eurogruppo: anche per Lagarde e Gentiloni urgente l'Unione del mercato dei capitaliEurogruppo: Le Maire propone Unione mercati capitali su base volontariaInnovazione e buona politica nell' era ipercomplessaAI Act, nell'UE la prima legge al mondo sull’intelligenza artificialeVon der Leyen si candida per un secondo mandato alla presidenza della Commissione europeaAlexey Navalny è morto: le reazioni dei vertici Ue. Indignazione dai governi europeiPatto di stabilità, Consiglio e Parlamento trovano l’accordo sulle nuove regole comuni di bilancioScholz incontra Biden e chiede di sbloccare altri aiuti all'Ucraina"2024. Un continente al bivio". Gentiloni in conferenza ad Harvard durante la missione negli Stati UnitiTorna in Europa la presidenza del G7. Passaggio di consegne a Tokio dal Giappone all'ItaliaIl primo ministro francese Attal a Berlino. Primo incontro con il cancelliere ScholzConsiglio europeo: unanimità dei 27 per altri 50 miliardi all'UcrainaFmi: l'eurozona in crescita dello 0,9% nel 2024Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeoLa Bce lascia i tassi invariatiGentiloni: Recovery Fund e InvestEU sono storie di successoGermania-Francia-Italia: l'Ue deve difendere le navi in transito nel mar Rosso dai pirati HouthiDavos: al WEF Macron insiste su una forte spinta agli investimenti pubblici europeiVon der Leyen, 'a marzo strategia per l'industria Ue della difesa'.L'Ue e la sua nuova governance fiscale coordinata con l'accordo sul Patto di stabilitàGabriel Attal è il nuovo Primo ministro della FranciaVisione e metodo. L'eredità europeista di Jacques DelorsCharles Michel annuncia la candidatura alle europeeTusk alla guida della Polonia. Al via il nuovo governo filo-europeistaPlenaria e Consiglio animano la settimana politica europeaPatto di stabilità: intesa rimandata al prossimo Ecofin informale straordinarioL'allargamento secondo la Commissione: l'Unione risponda all'appello della storiaRiforma dei trattati UE: il Parlamento europeo approva la risoluzioneSpagna, Sanchez resta premier: "Il governo sarà legittimo, democratico e costituzionale"Ecofin: fiducia in un prossimo accordo sul Patto di StabilitàI Ministri finanziari a Bruxelles per l'Eurogruppo di novembreLa Commissione Ue chiede i negoziati di adesione per l'Ucraina
europolitiche

Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeo

28-01-2024 23:58

Europolitiche

Europolitiche, Charles Michel, consiglio europeo, Orban, Belgio,

Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeo

Ha dichiarato venerdì 26 gennaio di aver deciso di ritirare la sua candidatura alle elezioni europee e di voler restare in carica fino a fine legislatura.

Sono trascorsi solo 20 giorni dall'annuncio che Charles Michel sarebbe stato in cima alla lista del partito belga del Movimento Riformista (MR) di centrodestra, di cui è stato ex leader, alle elezioni del Parlamento europeo del 6 al 9 giugno. E che si sarebbe dimesso da Presidente del Consiglio europeo in anticipo. Venerdi 26 gennaio, con un sorprendente ripensamento, Michel ha invece annunciato il ritiro della sua candidatura alle elezioni europee e di voler completare il suo mandato.

La sorprendente decisione di Michel giunge sei giorni prima del decisivo vertice del primo febbraio che dovrebbe discutere il sostegno finanziario del blocco all’Ucraina.

“Non mi candiderò alle elezioni europee” di giugno, ha dichiarato Michel nella dichiarazione, aggiungendo che ora porterà a termine il resto del suo mandato al Consiglio europeo che terminerà a novembre.

Su Facebook Michel ha precisato “Non voglio che questa decisione [di candidarci al parlamento] ci distragga dalla nostra missione o indebolisca questa istituzione e il nostro progetto europeo, né che venga utilizzata in modo improprio per dividere il Consiglio europeo, che credo debba lavorare instancabilmente per l’unità europea “.

Michel ha scritto che articolato meglio cosa lo ha portato a decidere di restare in carica alludendo a “reazioni estreme” e “attacchi personali”.

 “Questa [decisione] ha anche portato a reazioni estreme – non all’interno del Consiglio europeo ma al di fuori di esso – alla prospettiva di candidarmi alle elezioni europee, abbreviando il mio mandato e anticipando di qualche mese quello del mio successore”, ha scritto Michel.

La sua elezione lo avrebbe costretto a dimettersi prima della fine del suo mandato al Consiglio europeo, prevista per il 30 novembre, che sarebbe avvenuta al più tardi durante il suo giuramento davanti al nuovo Parlamento europeo, durante la plenaria di metà luglio.

La decisione di candidarsi come candidato al Parlamento europeo in Belgio, dove era quasi certo di vincere un seggio, è stata criticata da alcuni politici come negligenza nei confronti dei leader del blocco.

Il suo precedente annuncio a sorpresa avrebbe probabilmente costretto le forze filo-europee ad accelerare i negoziati sui posti di lavoro più importanti dell’UE dopo le elezioni di giugno.

Gli europeisti paventavano il rischio il primo ministro ungherese Viktor Orbán fosse candidato a prendere la guida del Consiglio europeo ad interim, con il suo paese che detiene la presidenza semestrale dell’UE, se l’UE a 27 non fosse riuscita a trovare un accordo su un accordo successore prima delle dimissioni di Michel.

 Di fronte alla decisione di Michel poi rientrata, i leader dell'Ue avevano pensato di dover concordare rapidamente un successore per il suo posto vacante entro il 1 luglio, quando l'Ungheria assumerà la presidenza semestrale a rotazione del Consiglio. In caso contrario, le regole comunitarie prevedono che l'incarico vada proprio allo Stato membro che detiene la presidenza di turno. E il premier Orban incontrollato al potere nel Consiglio per i sei mesi immediatamente successivi alle elezioni europee del 2024 sarebbe stato uno scenario che la maggior parte degli altri 26 leader Ue avrebbe molto probabilmente evitato, date le crescenti tensioni tra loro e il premier ungherese, ad esempio sulla questione il sostegno dell'Ue all'Ucraina.

 

staff @europolitiche.it

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea

Crossmediale in lingua italiana sulle politiche delle istituzioni europee e dei governi dei paesi dell’Unione Europea


instagram
twitter
whatsapp

SITO WEB REALIZZATO DA Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it